Sedie di design: ecco i 20 modelli tra i più popolari di sempre

Quali sono i 20 modelli di sedie di design più popolari di sempre? Ecco alcuni tipi tra i più noti nel panorama dei complementi d'arredo

Sedie di design: ecco i 20 modelli tra i più popolari di sempre
Sedie di design: ecco i 20 modelli tra i più popolari di sempre

La sedia è un complemento d’arredo molto importante e soprattutto indispensabile per svolgere le nostre attività quotidiane nonché per riposarci quando stiamo troppo tempo in piedi. Le sedie sono oggetto di design in numerose versioni e non c’è una vera e propria sedia più famosa di sempre poiché le proposte sono moltissime nell’ambito del disegno industriale. Ecco quindi, 20 modelli di sedie di design più popolari, in modo che possiate farvi un’idea di quelle che sono le offerte evergreen.

Quali i modelli di sedie design più popolari?

Le sedie raccontano lo stile di un determinato periodo storico attraverso le diverse anime di cui sono composte. Ogni epoca ha le sue sedie di design più in voga e vi sono sedie moderne che raccontano di epoche passate. La Louis Ghost di Kartell è un tipo di sedia cristallina che va bene per qualunque ambiente, che sia la vostra casa o anche un ambiente pubblico.

Informazione Pubblicitaria

C’è poi la Superleggera, che pesa 1,7 kg e si può spostare solo con un dito. È prodotta con legno di frassino e in essa sono ben mescolate forma e praticità. La sedia Bertoia è tra le più amate da una vita ed è composta da tondino e rete d’acciaio. La sedia Thonet o modello 214 è molto usata nei bistrot e in sale da pranzo private. Si tratta di un vero classico senza tempo realizzato in legno curvato a vapore. La Eames Plastic Chair è una sedia a guscio monoblocco che si adegua molto bene alla forma del corpo umano.

È disponibile in moltissimi colori ed è un oggetto che ha prevenuto l’attuale tendenza alla personalizzazione. Chair One è una particolarissima sedia in alluminio anodizzato con partner geometrico, molto stile post industriale che fa sciogliere i cuori più gelidi. Molto interessante anche la Serie 7 realizzata unendo 7 strati sottili di legno. Si tratta di una sedia impilabile perfetta per ambienti domestici, bar, convegni. C’è anche una splendida versione in velluto. La sedia Idolf è invece una sedia che fa pensare molto alle sedie di un’osteria ed è montabile a casa. La Wishbone è una sedia di tipo classico già esistente dal 1950. Ha una forma particolare che abbina bracciale e schienale come fossero un pezzo solo.

Si tratta di un genere di sedia che accoglie sorregge il nostro corpo. La Silver è invece una seduta molto stile anni ’80, con o senza braccioli, girevole su ruote o sgabelli. La Livia di Gio Ponti è del 1937 e presenta uno schienale dritto, progettato per stare in posizione composta a tavola.

Quali altri modelli di sedie di design sono maggiormente in voga?

Tra le altre sedie più popolari spicca la Masters di Kartell che unisce la linea della Serie 7 con la Tulip di Saarinen e la Eiffel di Charles Eames. È come avere tre pezzi di storia riuniti in un unico oggetto. La Panton è totalmente di plastica ed è una sedia di tipo scultoreo, dalle forme sinuose e gran fascino. Ne basta una per arredare la stanza. Non si arrugginisce se si dovesse bagnare, se cade non subisce ammaccature: stiamo parlando della Navy Chair, creata per sottomarini Usa che avevano bisogni di arredi leggeri che durassero nel tempo.

Tulip è una seduta progettata da Eero Saarinen, il quale aveva promesso di fronteggiare il “brutto, confuso, inquieto mondo” che vedeva sotto sedie e tavoli e costituito dalle loro gambe. Si tratta di sedie sorrette solo da uno stelo, proprio come se fossero un fiore. Un successo senza tempo. La Singer è un tipo di sedia fatta per brevi visite e creata nel 1945. Ha un sedile piccolo e incrinato che non la rende utilizzabile ed è più un oggetto d’arte.

Husk è  perfetta per l’arredamento di sala da pranzo, con seduta e schienale trapuntata e lavorazione capitonné. Si tratta di una sedie stilosa e comoda. La Spaghetti è fatta di acciaio cromato e ha una sagoma sottile che consente di collocarla ovunque. A 41 anni dal suo lancio, questa sedia grazie al tondino in PVC è ancora tra le più popolari di sempre. La Pila ha un perno a tre dischi e si può aprire e richiudere. Viene usata per lo più occasionalmente ed è tra le più note in assoluto. Infine, Selene, sedia pensata per un uso indoor e outdoor, del 1969. Di solito si trova nelle sale d’aspetto dei medici e negli uffici. È una sedia di tipo familiare che ha successo anche nell’attuale versione trasparente.