Spese mediche detraibili: quali sono e come procedere?

Ecco quali sono le spese mediche e sanitarie detraibili e come procedere per avere tale detrazione

Spese mediche detraibili: quali sono e come procedere?
Spese mediche detraibili: quali sono e come procedere?

L’emergenza Coronavirus ha stravolto ogni settore della nostra vita e fatto slittare persino la dichiarazione dei redditi. La data ultima per consegnarla è infatti fissata a fine settembre. Tuttavia, è già possibile scaricare il 730 precompilato sul sito dell’Agenzia delle Entrate così da controllare che deduzioni e detrazioni siano inserite correttamente. Tra le detrazioni più richieste ci sono le spese mediche e sanitarie come prevede l’attuale normativa italiana. Prima di procedere con la detrazione bisogna sapere che, come da istruzioni allegate al 730/2020, la suddetta detrazione è applicabile solo a cifre superiori ai 129,11 euro.

Come calcolare l’importo da detrarre?

Secondo quanto riporta l’Agenzia delle Entrate, «nella maggior parte dei casi per le spese sanitarie è riconosciuta una detrazione dall’Irpef di una percentuale della spesa sostenuta (ossia il 19%) per la parte eccedente l’importo di 129,11 euro». Ergo, ciò significa che il contribuente dovrà fare la somma di tutte le spese sostenute e poi sottrarre dal risultato 129,11 euro. È chiaro che se la somma delle spese sostenute nel corso dell’anno non è superiore ai 129,11 euro, non si potrà ottenere la detrazione.

Informazione Pubblicitaria

Quali sono le spese mediche detraibili?

Le spese mediche che si possono detrarre sono: spese chirurgiche, ossia dovute a interventi chirurgici, anche quelli eseguiti in day hospital. Spese specialistiche, ossia esami eseguiti in centri autorizzati. Tra questi, vi sono:elettrocardiogrammi, ecocardiografia, elettroencefalogrammi, tac, risonanze magnetiche, indagini laser, ginnastica correttiva, riabilitazione arti e corpo, sedute di neuropsichiatria, dialisi, cobaltoterapia, iodio-terapia, anestesia epidurale, inseminazione artificiale, amniocentesi, villocentesi ecc. Sono detraibili anche sedute da psicologi e psicoterapeuti a scopo terapeutico, consulenze da nutrizionisti e visite in ambulatori specialistici per eliminare l’assuefazione al fumo.

Detraibili tutte le prestazioni specialistiche eseguite da medici specializzati in un determinato ramo della medicina. È quindi importante che la prestazioni risulti nella descrizione fatta nella fattura. Possono rientrare tra le spese detraibili anche quelle per prestazioni del medico generico, per i certificati medici sportivi o per la patente.

Detraibili anche spese connesse a interventi chirurgici o degenze. Sono inoltre detraibili spese per acquisto di farmaci da banco con ricetta medica. Non sono detraibili le spese per comprare parafarmaci quali ad esempio integratori alimentari. Si possono detrarre anche spese per l’acquisto o affitto di dispositivi medici.

In questo gruppo rientrano anche dentiere, occhiali da vista, lenti a contatto, apparecchi acustici, scarpe e tacchi ortopedici, stampelle, carrozzelle, macchine per la pressione sanguigna ecc.
E ancora è possibile detrarre spese relative a trapianto di organi, assistenza infermieristica e riabilitativa come fisioterapia, kinesiterania ecc.
Si può inoltre chiedere il rimborso non solo per le proprie spese mediche e quelle sostenute per familiari a carico. Non solo, anche per familiari non a carico con patologie esenti con limite fissato a 6.197,48 euro. Il 19% viene detratto, infine, anche per spese sostenute per disabili senza nessun limite di importo.