Come attivare le utenze di luce e gas in una casa nuova?

Come attivare le utenze di luce e gas in una casa nuova? Ecco alcuni consigli

Come attivare le utenze di luce e gas in una casa nuova?
Come attivare le utenze di luce e gas in una casa nuova?

Come attivare le utenze di luce e gas in una casa nuova? Ecco alcuni consigli

Immaginate di aver acquistato una nuova casa e di dover attivare le utenze di luce e gas. La prima cosa da fare è certamente quella di scegliere il fornitore a seconda della tariffa a voi più conveniente. Dopodiché sarà il fornitore a occuparsi di tutto richiedendo al distributore.

Come attivare l’utenza della luce?

Se si dispone di contatore elettrico è tutto molto semplice, poiché vi basterà gestire la procedura da remoto senza dover contattare il tecnico. Una centralina comandata a distanza riattiverà il vostro contatore. Se invece avete un contatore meccanico, dovrete contattare un tecnico. La luce dovrà essere allacciata entro 7 giorni dall’approvazione dell’istanza, altrimenti come da legge, oltre questo limite potrete chiedere un rimborso fino a 105 euro. Per attivare la luce dovrete presentare i seguenti documenti: carta di identità, codice POD, potenza del contatore, codice IBAN, recapiti telefonici o email. Se la tariffa è in regime di Maggior Tutela, i prezzi saranno: 27,03 euro per oneri amministrativi, 23 € contributo, 16 euro imposta di bollo. Se invece si sceglie una tariffa del mercato libero, i costi sono di 27,03 euro oneri amministrativi, 16 euro imposta di bollo e i costi di prestazione commerciale sono decisi dal fornitore.

Come attivare un’utenza di gas?

Per l’utenza di gas bisognerà scegliere, come per la luce, tra regime di Maggior Tutela o mercato libero e rivolgervi al distributore di quell’area che attiverà il contatore del gas. Se avete necessità di attivare il gas in un appartamento dove c’è già un contatore chiuso dalla persona che vi abitava in precedenza, vi basterà fare un nuovo contratto di subentro utilizzando il codice PDR che troverete sulla bolletta. Dopo aver scelto il fornitore e inoltrato l’istanza per la fornitura di gas, il distributore avrà 10 giorni per attivarvi l’utenza altrimenti il cliente dovrà ricevere 35 euro circa di rimborso. Per attivare la fornitura di gas avrete bisogno di presentare un documento di identità, recapiti telefonici, mail, codice PDR, specifica di uso del gas, e moduli che vi saranno richiesti dal vostro fornitore. Se entro 90 giorni non presenterete la documentazione richiesta, la pratica verrà annullata. Attivare un’utenza gas si aggira intorno ai 40 o 50 euro, ma può variare a seconda dell’impianto, della potenza termina e della destinazione d’uso.