Con che frequenza andare dal dentista?

L'igiene dei denti è fondamentale per il nostro benessere e va curata con attenzione. Ma con che frequenza andare dal dentista? Ecco alcuni consigli utili

Con che frequenza andare dal dentista?
Con che frequenza andare dal dentista?

L’igiene dei nostri denti è molto importante, sia perché non curarla può essere causa di alito cattivo sia perché sono numerose le malattie e le infezioni della bocca dovute a scarsa igiene. Eseguire una visita dal dentista aiuta a prevenire problemi dei denti e a controllare lo stato di salute della propria bocca.

Con che frequenza andare dal dentista?

Di solito il consiglio dei dentisti è quello di fare dei controlli ogni 6 mesi, per evitare l’insorgere di problemi a denti e gengive. Questa frequenza così assidua deve essere particolarmente rispettata da piccoli, quando i bambini cambiano la dentatura passando da denti da latte (decidui) a denti permanenti. I nuovi denti sono più sensibili una volta spuntati, per cui è fondamentale controllare le arcate in modo da prevenire l’insorgere di eventuali anomalie e intervenire tempestivamente.

Informazione Pubblicitaria

Quali visite periodiche eseguire?

Generalmente ci sono due opzioni: visita dentistica e pulizia dei denti. La visita dentistica periodica aiuta a prevenire l’insorgere di infezioni come carie, accumulo di tartaro. Se si rispetta il periodo di visite prestabilito, è possibile prevenire molti danni. Nel corso della visita, il medico può effettuare una panoramica della bocca del paziente, riuscendo così a captare eventuali problemi. In questo modo, si fa un check up più completo. Un’altra visita molto accurata è quella della pulizia dei denti, che generalmente va effettuata una volta l’anno. Questo naturalmente, sempre che non vi siano patologie o infezioni. In caso di tartaro, placca o sanguinamento delle gengive dovrebbe essere effettuata ogni 6 mesi. C’è inoltre da dire che per patologie come la parodontite, il controllo andrebbe eseguito ogni 3 mesi. Con la pulizia dei denti, inoltre, è possibile rimuovere placca e tartaro.