Arredo bagno: quali materiali scegliere?

Arredare il proprio bagno con cura lo rende un ambiente unico in cui trascorrere momenti di relax. Ecco i consigli degli architetti per arredarlo al meglio

Arredo bagno
Arredo bagno

Arredare il proprio bagno con cura lo rende un ambiente unico in cui trascorrere momenti di relax. Ecco i consigli degli architetti per arredarlo al meglio

Tra le stanze più importanti della casa, il bagno è quel luogo dove trascorriamo molto tempo per prenderci cura di noi stessi, magari per godere di una bella doccia calda o un bagno rilassante. È quindi essenziale arredarlo curandone molto la parte estetica, in modo da renderlo un ambiente che invoglia ancor di più alla cura di sé. Ecco alcuni consigli per ristrutturare al meglio il bagno della vostra casa.

Informazione Pubblicitaria

Quanto è importante la scelta dei giusti materiali per l’estetica del bagno?

«Parliamo di un ambiente particolare della casa, che fino a pochi anni fa veniva progettato tenendo conto, in modo quasi esclusivo, della funzionalità», ci spiegano un architetto e un ingegnere professionisti. «Chiaramente questa esigenza si traduceva anche nella scelta dei materiali e soprattutto nella gamma proposta dal mercato. Cosa intendiamo dire? Che 10 anni fa il mercato proponeva una esigua gamma di materiali tra cui scegliere e chiaramente non c’era grande spazio per la ricerca estetica.

Pensiamo invece ad oggi: quanto è difficile districarsi nella scelta dei materiali per il proprio bagno? E questo è dovuto unicamente al fatto che c’è stata una vera e propria rivoluzione nel concepire e dunque progettare questo ambiente. Il bagno oggi è sinonimo di rifugio, di un ambiente in cui prendersi cura di sé e staccare dal tran tran quotidiano. Dunque l’estetica e la resa formale dei materiali non può non giocare un ruolo essenziale in questo»

Quali sono le tendenze più in voga al momento?

«In fatto di Architettura e Design», proseguono, «le tendenze si creano con il tempo e quando attecchiscono, chiaramente permangono per un certo periodo. Gli ultimi anni sono stati quelli dello Stile Nordico: bagni quasi asettici, bianchi e minimali. Ma qualcosa sta cambiando: che si prediligano piastrelle, ceramica, resina o marmo, il denominatore comune è il colore.

Ad oggi si tende a scegliere un colore o un mix di due tonalità, che ben si combinano tra loro, e queste diventano il filo conduttore del nostro ambiente. Sono soprattutto le fiere di settore a dettare le regole del mood in voga: colori pastello mixati a rivestimenti scuri, calacatta e marmo che si traferiscono agli arredi e non più ai rivestimenti, accessori che diventano protagonisti! C’è voglia di rompere gli schemi minimal e giocare con forme, colori e materiali».

E per quel che concerne le pareti del bagno?

«Come per le altre stanze della casa, anche per il bagno si pensano e progettano pareti di accento, che diventano veri e propri quadri, capaci di valorizzare lo spazio e convogliare lo sguardo verso un elemento principale. Come ottenere questo risultato? Ci pensano i materiali, chiaramente. Si può decidere di tinteggiare la parete con il colore desiderato, optando per una tinta unita o per un disegno più articolato. Si possono scegliere rivestimenti d’effetto, come il marmo o le ceramiche.

Oppure si può optare per quella che sembra essere una delle tendenze più in voga del momento: la carta da parati! Ebbene sì, contro ogni aspettativa, ad oggi la carta da parati è utilizzabile anche nell’ambiente bagno. Una vera e propria rivoluzione che ci permette di personalizzare e rendere davvero unica questa stanza, senza temere controindicazioni. Sicuramente questa scelta ha un costo superiore rispetto ad altre, ma l’effetto ottenuto sarà davvero capace di lasciare senza fiato».

     Quali sono i materiali più usati?

«Dal punto di vista più prettamente materico, questo nuovo anno ha visto il ritorno del travertino, che amplia il suo utilizzo a più superfici ed in più varianti. Materiale snobbato negli ultimi anni, ma che è in grado di dare un tocco di eleganza raffinata ai nostri ambienti. E il metallo? Anche questo torna in voga nei nostri bagni, per arricchirli e introdurre una grande novità: il colore. Specchi bordati, rubinetterie dorate, sospensioni e complementi in bronzo. Tutti dettagli in grado di rendere chic l’atmosfera e aumentare le riflessioni e i giochi di luce».

E cosa mi dite della sostenibilità?

«Ok alla forma, sì all’estetica e grande attenzione alla funzione, ma mai dimenticare i cicli di vita dei materiali e la loro capacità di essere ecologici. La scelta dei materiali deve sempre partire da un presupposto etico, capace di porsi nell’ottica del rispetto dei cicli vitali della natura. Il benessere non può certo concretizzarsi in un ambiente che manca di rispetto alle più basilari regole del vivere civile», concludono.