Il 4 Maggio riapriranno gli studi dentistici

Negli studi dentistici l’attenzione a rispettare le norme sanitarie anti contagio è più alta che in qualsiasi altro settore.

Dal 4 Maggio comincerà la Fase 2 della quarantena dovuta al coronavirus e anche gli studi dentistici potranno riaprire.

L’iter per la riapertura e per l’accoglienza dei pazienti non sembra per nulla semplice.

Ovviamente le sale d’attesa non potranno essere affollate e dovrà essere rispettato l’obbligo di indossare le mascherine e i guanti da tutti i pazienti presenti. Dovrà essere presente un numero congruo di pazienti al fine di rispettare il distanziamento sociale.

Informazione Pubblicitaria

Inoltre il giorno prima dell’appuntamento il dentista dovrà chiamare il paziente per sincerarsi delle sue condizioni di salute.

La situazione nel caso dei dentisti è particolarmente delicata, Carlo Ghirlanda, presidente dell’Andi, Associazione nazionale dentisti italiani, ha dichiarato: “Noi non possiamo restare a un metro dal paziente. Siamo a contatto con sangue e saliva. E alcune procedure creano aerosol. Per noi il rischio di infezione da coronavirus, come per Hiv, epatiti o altri microbi, è da prendere particolarmente sul serio”.
Pertanto i dentisti saranno muniti di maschere filtranti e visiere e le coperture delle poltrone saranno cambiate ad ogni paziente.

Il problema principale portato alla luce dai dentisti è la necessità di decontaminazione e di sanificazione degli ambienti tra la cura di un paziente e quello successivo, nonché di sostituire tutti i dispositivi protettivi utilizzati perché potenzialmente infetti. Questo crea un dispendio in termini di tempo, in termini economici e anche delle problematiche in termini ambientali.

Pertanto le richieste avanzate finora dalla categoria premono per ampliare, quantomeno, l’orario di ricevimento degli studi e se necessario restare aperti anche il sabato e la domenica per accogliere più pazienti possibili.

C’è però una riflessione da fare: il notevole aumento dei costi di gestione e la riduzione forzata dei pazienti farà diventare le cure dentali un lusso per ricchi?

Informazione Pubblicitaria