Durante la fase due potranno essere consegnati i mobili?

La tanto attesa “fase 2” sta quasi per arrivare. Quando è iniziato il lock down molte persone avevano ordinato i mobili ma, purtroppo, è mancato il tempo per consegnarli. Adesso le stesse persone non aspettano altro che il 4 Maggio per avere notizie certe su quando potranno terminare l’arredamento delle proprie case. Allo stesso tempo sia gli addetti alle consegne che i clienti sono preoccupati sulle misure da attuare per evitare contatti ed eventuali contagi.
Pertanto forniamo una lista delle precauzioni necessarie affinché le attività di consegna e di montaggio dei mobili siano svolte in totale sicurezza.

Prima fase: lo scarico della merce dal mezzo del fornitore al magazzino del distributore.

  • Tutti gli addetti, quindi sia quelli del mezzo del fornitore che quelli addetti allo scarico, saranno dotati di mascherina e guanti protettivi.
  • Tutti gli addetti dovranno impegnarsi per mantenere la distanza di un metro uno dall’altro. Ovviamente se questo non fosse possibile per la movimentazione di oggetti pesanti e poco maneggevoli dovrebbe mantenere la massima distanza possibile e evitare contatti diretti.

Seconda fase: il comportamento del personale addetto al servizio di consegna.

  • Deve essere data la possibilità di viaggiare sullo stesso mezzo a più persone, ma queste dovranno indossare guanti e mascherina per tutta la durata della consegna.
  • Deve essere concesso che gli addetti possano lavorare insieme e talvolta senza rispettare la distanza di un metro, sempre dotati di mascherina.
  • Deve essere concesso di poter abbassare la mascherina, usando però una protezione facciale (tipo quelle in plastica o plexiglass), durante gli sforzi fisici necessari per completare la consegna.

Informazione Pubblicitaria

Terza fase: il comportamento degli addetti alla consegna a casa del cliente.

  • Entrare nell’abitazione del cliente munito di mascherina, guanti protettivi e gel igienizzante per le mani.
  • Evitare qualsiasi contatto con il cliente e mantenere sempre la distanza di sicurezza di almeno un metro da tutti i presenti.
  • Fornire un’autocertificazione che attesta l’assenza di alterazioni febbrili prima della partenza dal magazzino.

Con queste poche e semplici precauzioni non si correranno rischi nel ricevere nella propria casa gli addetti alle consegne e al montaggio, né correranno rischi gli addetti stessi.
D’altronde ci siamo abituati a mascherine, guanti e distanze…purtroppo!

Informazione Pubblicitaria