Banca Carige sull’orlo del crac: interviene lo Stato

0
420

Interessanti le notizie che giungono da Banca Carige la quale ha avviato un’attività di due diligence sui crediti deteriorati. A tal proposito è intervenuto lo Stato il quale ha approvato un Decreto Legge dal titolo “Disposizioni urgenti per la tutela del risparmio nel settore creditizio” (Scarica PDF).

Il contenuto?

In particolare sono due i provvedimenti più significativi: la garanzia di Stato sulle emissioni dei nuovi bond della Banca e la possibilità di una ricapitalizzazione a carico del Tesoro.

Vediamoli nel dettaglio.

Garanzia di Stato sulle emissioni dei nuovi bond

Per Banca Carige è stata prevista la possibilità, nell’ambito del Decreto Legge, di accedere a forme di  sostegno pubblico della liquidità. In particolare queste consistono nella concessione da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze della garanzia dello Stato su passività di nuova emissione.

In poche parole si parla di finanziamenti erogati a totale discrezione di Banca D’Italia.

Nel pomeriggio comunque i tre Commissari di Carige Fabio Innocenzi, Pietro Modiano e Raffaele Lener hanno incontrato il presidente dello Schema volontario del fondo, Salvatore Maccarone, senza rilasciare alcuna dichiarazione.

Quest’ultimo aveva già dichiarato quanto ci fossero delle difficoltà per la revisione del bond da 320 milioni sottoscritto dal sistema bancario italiano che, però, con un tasso di interesse salito dal 13% al 16%, è oggettivamente troppo caro per la Banca.

Ricapitalizzazione pubblica

Altro punto cardine del Decreto Legge riguarda la possibilità, da parte di Banca Carige, di avere acceso ad una ricapitalizzazione pubblica.

Nello specifico l’obiettivo è quello di preservare, in via del tutto precauzionale, il rispetto di tutti gli indici di patrimonializzazione in maniera tale da poter affrontare ipotetici scenari particolarmente avversi.

E i clienti di Banca Carige?

Per i clienti di Banca Carige le notizie appaiono comunque positive. I depositanti infatti sono totalmente garantiti.
Ciò che resta ancora incerto è il futuro della Banca per la quale, l’intervento dei tre Commissari, sembra l’unica via possibile.

Restiamo in attesa di aggiornamenti a riguardo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here