Amazon si avvicina al settore delle Assicurazioni: cosa cambia?

0
27
Amazon assicurazioni

Il settore delle assicurazioni è da sempre un settore in forte crescita che ha assistito nel corso degli ultimi anni ad un incremento importantissimo. A quanto pare però c’è un vero e proprio “gigante” che si sta avvicinando a questo settore.

Parliamo di Amazon, il colosso dell’e-commerce il quale sta compiendo dei passi importanti.
Ti sembra incredibile?

Proviamo a capirne di più.

Piccoli passi

L’introduzione di Amazon nel mercato delle assicurazioni, nonostante sia ampiamente pronosticato, sta avvenendo a piccoli passi già da diversi anni. Il colosso dell’e-commerce infatti si è da prima mosso in Europa fornendo carte di credito Mastercard in co-branding e dal 2016 collabora con Warranty Group offrendo delle estensioni di garanzia come Amazon Protect.

Un ingresso nel mercato è però confermato anche da alcune indiscrezioni secondo le quali Amazon sarebbe in trattativa con delle compagnie di assicurazione al fine di verificare la loro effettiva disponibilità a vendere i propri prodotti su un sito di comparazione nel Regno Unito.
Insomma tutti i segnali fanno presagire che la nota compagnia sia proprio alla ricerca del modo per inserirsi nel mercato delle assicurazioni.

Questo cosa potrebbe significare?

In linea di massima quando Amazon decide di insidiarsi in un nuovo mercato lo per portare a casa risultati concreti. Basta pensare che prima di divenire il più grande e-commerce al mondo era una piattaforma che si occupava esclusivamente della vendita di libri.
Fatta questa premessa è facile pensare che la multinazionale si imporrà in maniera importante anche in questo settore.

Perché le compagnie dovrebbero preoccuparsi?

Con l’ingresso di Amazon nel settore assicurativo potrebbero cambiare tantissime cose e le prime ad essere “colpite” da tutto ciò saranno proprio le compagnie di assicurazioni.
Perché?

Per tre semplici motivi.

Innanzitutto Amazon è da sempre sinonimo di trasparenza e chiarezza, fattori fondamentali per il suo sviluppo è che hanno fatto negli anni la sua fortuna. La fiducia del cliente è divenuta ormai un cavallo di battaglia dell’azienda la quale è riconosciuta dai consumatori come un punto di riferimento.
Secondo un sondaggio di GlobalData infatti il 18% dei consumatori ha dichiarato che, dato il livello di fiducia nei confronti dell’azienda, sarebbe disposta ad acquistare su Amazon anche polizze e case.
Insomma sotto questo punto di vista si tratta senza dubbio di un competitor di tutto rispetto.

Oltre a questo bisogna anche tener conto del fatto che Amazon è leader per ciò che riguarda la fidelizzazione del cliente attraverso programmi di sottoscrizione mensile. Il servizio Prime ne è un chiaro esempio.

Cosa centra questo con le assicurazioni?

Nell’ultimo periodo anche le compagnie assicurative si stanno muovendo per promuovere proprio questo genere di programmi di affiliazione. Va da sé che il colosso dell’e-commerce, in tal senso, potrebbe essere un valido competitor.

Tecnologia e innovazione

Fiducia e programmi di sottoscrizione mensile non sono però gli unici punti per i quali Amazon potrebbe spodestare le compagnie assicurative. A questi infatti bisogna aggiungere anche tecnologia e innovazione.

Gli assicuratori, soprattutto quelli inglesi, si stanno muovendo per mettere in atto un processo di digitalizzazione dei servizi che ben presto potrebbe svilupparsi in maniera importante. Tuttavia non è facile distinguersi quando davanti si ha un colosso come Amazon il quale, da un punto di vista tecnologico e digitale, è anni luce avanti.

Lo scenario insomma si sta delineando in maniera abbastanza precisa e pone spunti di riflessione importanti. L’ingresso di Amazon nel mondo assicurativo, che come abbiamo visto pare ormai sempre più vicino, potrebbe segnare realmente una nuova era. Ciò che resta da comprendere è se effettivamente il colosso riuscirà ad imporsi anche in questo campo oppure no.

Non resta che aspettare per scoprirlo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here