CESSIONE DEL QUINTO | BANCA CARIME | CREDITOPPLA' QUINTO

0
13

La Cessione del Quinto “Creditopplà Quinto” della Banca Carime, tramite Prestitalia, è adatto a chi sceglie di ottenere un prestito tramite la propria pensione. La cessione del quinto è per i pensionati INPDAP e INPS.
Il richiedente può scegliere liberamente come utilizzare la cifra richiesta.
Al momento della stipula del prestito, il beneficiario dovrà consegnare, oltre ai documenti, anche l’ultimo cedolino pensionistico.

Le caratteristiche tecniche del prestito con Cessione del Quinto “Creditopplà Quinto” :

La Banca Carime può concedere prestiti con cessione del quinto fino a 75.000 euro, rimborsabili da un minimo di 24 fino ad un massimo di 120 mesi. Il rimborso avviene tramite trattenute sulla pensione, con scadenza mensile, fino ad 1/5 (massimo) della pensione. L’erogazione avviene in un’unica soluzione tramite bonifico bancario sul conto corrente del cliente o tramite assegno circolare. Il tasso resta fisso per tutta la durata del piano di ammortamento.

Un esempio di prestito Con Cessione del Quinto “Creditopplà Quinto” della Banca Carime:

Come sempre, le condizioni della cessione del quinto variano a seconda dell’età e dell’ammontare delle pensione netta.
Se, ad esempio (riferito a un pensionato INPS di anni 72), scegliamo di rimborsare un prestito di 12.223,97 euro in 72 mesi, la rata mensile ammonterà a 200 euro, con un TAN del 5,55% e un TAEG del 9,37%. Al piano d’ammortamento indicativo va poi aggiunta una commissione totale del finanziatore (istruttoria e collocamento) che ammonta a 1.032,27 euro. Altre spese accessorie: 16,43 euro di imposta di bollo e prospetto analitico. Sono inoltre previste spese dovute all’amministrazione (198 euro). La legge prevede la sottoscrizione obbligatorie di copertura assicurativa sulla vita a garanzia del rimborso del credito (premio unico di 1.344 euro). Il diritto di recesso può essere esercitato dal consumatore entro 14 giorni dalla conclusione del contratto, inviando raccomandata AR.
Il tasso fisso è nella norma e consente al cliente di non doversi preoccupare di eventuali fluttuazioni al rialzo dei tassi. Allo stesso tempo però, se i tassi dovessero ribassarsi, il cliente non potrà beneficiarne.
Infine, le spese accessorie della cessione del quinto non sono eccessive.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here