BANCA DEL PIEMONTE MUTUO CASA A TASSO VARIABILE

    0
    21

    Tra le svariate formule di finanziamento offerte da Banca del Piemonte per l’acquisto di immobili per uso abitativo, è necessario segnalare il mutuo a tasso variabile: trattasi di un finanziamento in cui il tasso di interesse può variare, con cadenze prestabilite, in relazione all’andamento di uno o più
    parametri specificatamente indicati nel contratto di mutuo. Il rischio principale è l’aumento imprevedibile e consistente del tasso di interesse e delle singole rate (o aumento del numero di
    rate). È consigliabile a chi vuole un tasso sempre allineato con l’andamento del mercato ed a chi può sostenere eventuali aumenti dell’importo delle rate. E’ rivolto a consumatori/persone fisiche che agiscono per scopi estranei all’attività imprenditoriale, commerciale o professionale eventualmente svolta. L’importo di tale mutuo non può eccedere l’80% del valore dell’immobile soggetto a perizia. Il piano di ammortamento, di durata oscillante tra i 5 ed i 30 anni (compresa la rata di preammortamento), è alla francese e prevede rate, a cadenza mensile o trimestrale, comprensive di quota capitale ed interessi.

    CONDIZIONI ECONOMICHE DEL MUTUO

    Il valore del TAEG è strettamente correlato alla durata del mutuo ed alla cadenza delle rate: in caso di mutuo trentennale, di euro 145.000,00, a rata mensile, si assesterà al 7,08% (parametro di indicizzazione Euribor 3 mesi 365).Il TAN sarà equivalente alla somma tra spread ed parametro di indicizzazione vigente. Di seguito i diversi piani d’ammortamento (per durata mutuo):
    • Mutuo trentennale-tasso di riferimento 6,70%-rata mensile euro 941,98;
    • Mutuo quindicennale- tasso di riferimento 6,70%-rata mensile euro 1.285,43.
    Nel caso in cui le rate risultino essere trimestrali, i piani di ammortamento (per durata mutuo) saranno i seguenti:
    • Mutuo trentennale-tasso di riferimento 6,70%-rata mensile euro 2.829,33;
    • Mutuo quindicennale-tasso di riferimento 6,70%-rata mensile euro 3.867,19.
    Entrambi gli schemi esemplificativi non contemplano eventuali variazioni del tasso di riferimento su base biennale.

    SPESE ACCESSORIE DEL MUTUO

    Tra le ulteriori spese prescritte da Banca del Piemonte nell’erogazione del mutuo si segnalano: istruttoria (0,50% dell’importo erogato, min. 400,00 euro), incasso rata (1,50 euro mensile, 3,00 euro trimestrale), invio comunicazioni (1,10 euro per invio con recupero trimestrale, 0,00 euro se a mezzo Internet Banking – HbNext), imposta sostitutiva (0,25% dell’importo erogato), perizia tecnica (a carico del mutuatario), assicurazione immobile (Spese assicurative Reale per polizze incendio: premio al tasso annuale del 0,040% per i rischi civili).

    ESTINZIONE ANTICIPATA

    Nel caso in cui il mutuo sia stipulato (o accollato a seguito di frazionamento) da persona fisica per l’acquisto della casa adibita ad abitazione ovvero adibita allo svolgimento della propria attività economica, in conformità al TUB (Testo Unico Banche) la parte mutuataria non sarà tenuta a corrispondere alla banca il compenso per l’estinzione anticipata.

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here