CheBanca-Mutuo Risparmio

Mutuo Risparmio è un finanziamento a tasso variabile che permette ai clienti di CheBanca!, tra i 18 ed i 70 anni, titolari di almeno uno tra Conto corrente e/o Conto Tascabile, di poter ottenere un risparmio sugli interessi. Gli interessi corrisposti mensilmente con la rata di mutuo, infatti, sono calcolati non sull’intero capitale residuo da rimborsare come avviene per i mutui tradizionali, ma su un importo, pari alla differenza tra il capitale residuo e la somma dei saldi contabili medi presenti su almeno uno dei rapporti indicati in precedenza (conto corrente, conto tascabile presso CheBanca!).
La somma sarà calcolata con riferimento al mese precedente a quello di competenza della rata in scadenza (es. la quota interessi della rata in scadenza il 1° dicembre andrà calcolata sulla differenza tra il capitale residuo rilevato al 1° novembre e la somma dei saldi contabili medi di ottobre).
Saranno presi in considerazione solo i saldi positivi. Occorre tenere presente che, essendo il risparmio sugli interessi legato alla giacenza media presente su conti intestati anche a soggetti terzi, la rata potrebbe variare di mese in mese: è quindi consigliabile che il cliente mantenga sul conto di addebito un importo sufficiente a pagare le rate come da piano di ammortamento.
L’importo da erogare va da un minimo di 50.000 ad un massimo di 1.000.000 di euro (purchè non ecceda l’80% del valore dell’immobile soggetto a perizia). Tuttavia il tasso variabile è consigliabile a chi vuole un tasso sempre in linea con l’andamento del mercato e può sostenere eventuali aumenti dell’importo delle rate.
Mutuo risparmio prevede un piano d’ammortamento la cui durata può oscillare tra i 10 ed i 30 anni (solo per l’acquisto della prima casa), con TAEG così modulato: 4,35% in caso di finanziamento ventennale d’importo pari ad euro 100.000, 4,33% in caso di mutuo venticinquennale, 4,31% per un mutuo trentennale. In tutti i casi ivi considerati il tasso di riferimento sarà pari al 4,09%. Il TAN viene determinato sulla base del valore del parametro Euribor 1 mese/365 maggiorato di uno spread pari al 2,70% (valido per tutte le durate ed importi). Ecco una rapida esemplificazione del calcolo della rata: ad un mutuo decennale d’importo pari ad euro 100.000, con tasso di riferimento del 4,09%, corrisponderà una rata mensile di 1.016,73 euro; ad un mutuo ventennale, d’importo analogo al precedente caso, con tasso d’interesse immutato (4,09%), corrisponderà una rata mensile di euro 610,73; infine, in caso di mutuo venticinquennale , si corrisponderà una rata mensile di euro532,82 (tasso di riferimento fermo al 4,09%). Le esemplificazioni esposte non contemplano eventuali variazioni del tasso di riferimento che, per questa particolare tipologia d mutuo, non può subire una diminuzione pari o superiore al 2%.
Le spese accessorie sono quelle rituali: istruttoria (euro 700 trattenute dall’importo erogato), perizia tecnica (euro 250), rilascio certificati e ricerche straordinarie di archivio (20 euro), spese notarili (a carico del mutuatario). La gestione della pratica, l’incasso della rata ed eventuali e contestuali comunicazioni entrano nel novero dei servizi gratuiti. Riguardo il “nodo”assicurazione, il mutuatario ha l’obbligo di aderire alla polizza collettiva stipulata dalla Banca con Genertel per
assicurare i danni all’immobile oggetto della garanzia ipotecaria. Il mutuatario può pagare il premio assicurativo con le seguenti modalità:

  1. premio unico trattenuto dall’importo erogato pari a 0,15 per mille per ciascun

anno di durata del mutuo, calcolo sull’importo finanziato;

  1. premio mensile per ciascun anno del mutuo pari a 0,20 per mille per importo.

Inoltre il cliente può scegliere di abbinare al mutuo le polizze assicurative “Lavoro” e “Vita”, adeguandosi alle condizioni esposte dal contratto.
In caso di estinzione anticipata, il cliente è immune da qualsiasi penale, previo preavviso di 30 giorni. L’estinzione totale comporta la chiusura del rapporto contrattuale con la restituzione del capitale ancora dovuto, prima della scadenza del mutuo.