Banche a rischio con Wikileaks. Mandato di cattura per Assange

    0
    20

    Wikileaks Julian Assange bancheA breve verranno diffusi su Wikileaks i documenti interni di una grande banca statunitense. Lo conferma il fondatore di Wikileaks Julian Assange in un’intervista a Forbes, rivista americana.
    Mandato di cattura in 188 paesi e Assange continua a non arrendersi. Ora dichiara che il prossimo attacco sarà alle banche: “Abbiamo qualcosa su una banca, una mega fuga di notizie non è in grande scala come il materiale per l’Iraq, ma sono decine o centinaia di migliaia di documenti, dipende da come si definiscono. Le prossime rivelazioni mostreranno le decisioni che chiudono un occhio e sostengono pratiche non etiche: i controlli che non vengono fatti, le priorità dei dirigenti, come pensano ai loro interessi”.
    Non sono uno anti-sistema. Non è corretto mettermi in una casella economica e filosofica. Ma una cosa è il pensiero liberale americano, un altro il pensiero del libero mercato” dichiara così Julian Assange che intanto viene etichettato come paladino dell’anti- establishment, cioè contrario a qualsiasi istituzione. “Sino a quando i mercati sono consapevoli, allora io sono un libertario. Ma ho abbastanza conoscenza della politica e della storia per sapere che il libero mercato rischia di finire in una situazione di monopolio se non si lavora per mantenerlo libero. Wikileaks è nato con lo scopo di rendere il capitalismo più libero e etico”.
    Il Ministro degli Esteri italiano Frattini esprime la propria opinione su come trattare Assange. “Catturarlo e interrogarlo per capire che gioco fa e per capire chi c’è dietro di lui. Mi sembra strano che l’atto illegale di una singola persona possa nascere dal nulla e solo dalla volontà di destabilizzare rapporti globali”. Frattini lo accusa di “voler distruggere il mondo”: “È quello che l’America vuole fare, questa persona è ricercata in almeno altri dieci Paesi al mondo. Ci sono parecchi magistrati che si stanno interessando a lui”.

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here