Carte di credito e bancomat clonati: attenzione durante i prelievi

carte di credito clonate
carte di credito clonate

Ritorna il pericolo truffe al bancomat: in molti si sono ritrovati con la propria carta clonata dopo un semplice prelievo ad uno sportello bancomat.
I malviventi adoperano sempre la stessa tecnica: installano dispositivi sul bancomat che riescono a rilevare il codice PIN digitato dall’utente sulla tastiera. Utili sono i servizi di allerta via SMS offerti dalle banche ai propri correntisti ogni volta che la propria carta di credito o bancomat è utilizzata, indicando anche il negozio dove è stato effettuato un acquisto; ciò è molto utile anche per tenere sotto controllo la propria carta anche dall’estero.
Prestate sempre attenzione durante un prelievo al bancomat osservando la tastiera e la fessura dove si inserisce di solito la carta; i malviventi spesso rialzano i tasti della tastiera per rilevare il codice PIN, quindi far caso sempre alla tastiera e se è sollevata. Spesso viene manomessa anche la fessura per inserire la carta tramite l’introduzione dello skimmer, un dispositivo che capta i dati dalla banda magnetica. La tattica delle telecamerine nascoste è un altro mezzo ancora utilizzato per scoprire il codice PIN delle carte: guardare bene lo schermo del bancomat e se vi risultano anomalie, contattare subito le forze dell’ordine ed attendere il loro arrivo al bancomat per evitare che altre persone vengano truffate.