L'Italia conquista l'Est Europa

    0
    24

    L’interesse che le banche italiane stanno dimostrando nei confronti dell’Est Europa cresce ogni giorno di più. A partire da Intesa San Paolo ed Unicredit si intensifica la corsa verso gli istituti bancari dell’Est Europa. La polacca Polbank, controllata dall’istituto greco Efg Eurobank pronto a dismettere la sua partecipazione, è l’obiettivo di Intesa, che investe 39.7 miliardi di asset. Unicredit, invece, accompagnata da due banche austriache la Erste e la Raiffeisen Bank International, vanta asset per 107,6 miliardi di euro nei paesi dell’Est.
    Come sottolinea il Sole24Ore se la Polonia è stato l’unico mercato europeo a crescere in piena crisi, altri hanno subito un vero e proprio crollo, come le economie della Comunità degli stati indipendenti (Russia, Ucraina e Bielorussia). L’Ucraina guida l’elenco dei paesi dove gli istituti internazionali hanno riportato maggiori perdite e insieme al Kazakistan, continua ad essere l’area meno redditizia“.
    A causa di questa debolezza della domanda è diminuito anche il volume dei prestiti erogati, mentre allo stesso tempo alcuni governi cominciano a bandire mutui e prestiti in valuta straniera. Se a questo si aggiunge la possibilità che alcuni paesi introducano una tassa per le banche l’investimento in Est Europa è difficile da comprendere.
    Fonte: http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2010-11-07/italia-banche-europa-064052.shtml?uuid=AYr8NohC

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here