Investire in energia con Prestito Ecologico

    0
    19

    Prestito Ecologico va incontro alla sfida del terzo millennio, la ricerca di fonti di energia alternative. Con tale soluzione Banca Intesa persegue l’obiettivo di stimolare l’investimento in energia pulita e l’utilizzo di fonti rinnovabili.

    Il prestito si rivolge sia a dipendenti che a lavoratori autonomi, che agiscono per scopi estranei alla loro attività imprenditoriale o professionale, con età compresa tra i 18 e i 75 anni alla scadenza del prestito.

    Oggetto del finanziamento sono la progettazione e installazione di impianti fotovoltaici, pannelli solari o termici, finestre e infissi per migliorare la coibentazione degli stabili e diminuire la dispersione di calore, caldaie di nuova generazione ad alta efficienza energetica nonché l’acquisto di automezzi ecologici e a trazione elettrica e di elettrodomestici ecologici.

    Il finanziamento, che parte da 2.500 euro fino ad un massimo di 100.000 euro, è rimborsabile in rate mensili posticipate, dove la prima rata è posticipabile tra il secondo e il sesto mese, per i prestiti a tasso fisso, al 1° giorno del secondo mese successivo a quello di erogazione, per i prestiti a tasso variabile. È inoltre ammessa estinzione anticipata sia parziale che totale con un compenso dell’1% dell’importo rimborsato per i prestiti a tasso fisso.

    La durata del finanziamento va da un minimo di 2 anni ad un massimo di 8 anni per tutte le destinazioni previste eccetto il caso della progettazione e dell’istallazione di impianti fotovoltaici per i quali è previsto un massimo di 15 anni.

    Tuttavia l’installazione di pannelli solari fotovoltaici è agevolata dallo Stato attraverso il “conto energia“.

    Fonte: http://www.intesasanpaolo.com/scriptIbve/retail20/RetailIntesaSanpaolo/ita/prestiti_personali/prest_ecologico/ita_prest_ecologico.jsp

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here