Detrazione Irpef anche ai mutui sostituzione

    0
    12

    I mutui rottamati, quelli cioè trasferiti presso un’altra banca che offre migliori condizioni economiche rappresentano il 35% dei finanziamenti per l’acquisto della prima casa.
    L’Agenzia delle Entrate ha incluso i mutui di surroga e di sostituzione tra quelli che potranno godere del bonus Irpef del 19% sugli interessi passivi pagati nel 2009.
    In questi casi, la detrazione viene calcolata su un importo non superiore a quello che risulterebbe con riferimento alla quota residua di capitale del vecchio mutuo maggiorata delle spese e degli oneri accessori relativi all’estinzione del vecchio finanziamento e all’accensione del nuovo.
    Come abbiamo già spiegato in un precedente articolo quest’anno la detrazione Irpef del 19% potrà essere calcolata su un importo massimo di 4.000 euro. Quindi il mutuatario potrà recuperare fino a 760 euro. Mentre per i mutui potecari stipulato a partire dal 1998 per la costruzione e la ristrutturazione di un’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale , il bonus del 19% spetta su un importo massimo di 2.582,28euro.
    Se l’abitazione è oggetto di ristrutturazione edilizia, la detrazione del 19% scatta dalla data in cui l’immobile è adibito ad abitazione principale che, in ogni caso, deve avvenire entro due anni dall’acquisto. Se, invece, l’immobile acquistato è in affitto, il bonus Irpef spetta a decorrere dalla prima rata di mutuo pagata, a condizione che entro tre mesi dall’acquisto, l’acquirente notifichi all’inquilino l’intimazione di sfratto per finita locazione e che entro un anno dal rilascio l’immobile sia adibito ad abitazione principale.

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here