Carte con Iban: le carte che si credono conti correnti

    0
    12

    Rappresentano l’ultima frontiera delle carte di credito: hanno aspetto e funzionalità tipiche di una carta di pagamento ma grazie al codice iban si atteggiano a conti correnti e permettono di accreditare lo stipendio o la pensione, ricevere e disporre bonifici, domiciliare le bollette, prelevare e fare acquisti.
    Nell’ultimo anno tutti i maggiori gruppi bancari hanno inserito una carta-conto nelle loro offerta di servizi bancari.
    La prima “carta corrente” è stata Superflash di Intesa Sanpaolo, ricaricabile fino a un saldo massimo di 10.000 euro. La carta ha un canone annuo di 9,90 euro e una durata di 4 anni che si rinnova automaticamente.
    Condizioni
    Prelievo contanti presso Sportelli del Gruppo: Gratuito
    Prelievo contanti  presso altre banche: 2 euro per prelievi in valuta euro, 5 euro per prelievi in valuta extra euro.
    Pagamento tramite Pos In euro: Gratuito
    Ricarica carta
    In filiale:
    – prima ricarica gratuita,
    – 1 euro con versamento contanti,
    – 2,50 euro con addebito su conto corrente
    Allo sportello automatico abilitato:
    – gratuito con versamento contanti
    – 1 euro con carta emessa dal Gruppo (anche con carta SuperFlash)
    -2 euro con carta emessa da altre Banche
    Sul sito internet della Banca:
    – 1 euro con addebito in conto o con carta emessa da Banca del Gruppo
    – 2 euro con carta emessa da altre Banche
    Servizi via internet Attivazione gratuita
    Bonifici effettuati Su internet e sportelli automatici: 0,50 euro
    In filiale: 2,50 euro su banca del Gruppo; 3,50 euro su altre banche
    L’altra famosissima carta di credito con iban è Genius card, la carta prepagata ricaricabile di UniCredit
    Condizioni
    Costo di emissione € 5
    Canone mensile: gratuito i primi 6 mesi successivi poi 1euro al mese, che si azzera nei seguenti casi:
    – studenti universitari fino al compimento dei 27 anni
    –  con accrediti (accredito stipendio o pensione ricariche, bonifici in arrivo, borse di studio, …) complessivi nel mese di almeno € 500
    ricariche cellulare: 0 €
    domiciliazione bollette:  0 €
    invio sms: 0 €
    accredito stipendio: 0 €
    prelievi dagli atm del Gruppo UniCredit in Italia 0 €
    Poi c’è stata Carta Corrente Prepagata di Banca Sella
    Condizioni

    Costo di emissione: 6 €
    Canone anni successivi: 6 €
    Costo di ricarica: gratuito su tutti i canali
    Costo Prelievi ATM:
    – gratuiti su ATM del Gruppo Banca Sella
    – 1,50 € presso le Succursali del Gruppo
    – 2 € su ATM di altri istituti
    Commissione di disposizione bonifici (*):
    – verso conto dello stesso soggetto: gratuito
    – verso conto di altro soggetto (stessa banca/altro Istituto): 2,5 € allo sportello
    Commissione di trasferimento denaro dalla carta prepagata verso altra carta prepagata(*):
    – dello stesso soggetto: gratuito
    – di altro soggetto: 2,5 € allo sportello
    L’ultima nata della categoria è Carta Enjoy di UbiBanca: ha durata triennale ed ha un costo mensile di 1 euro ma per averla è necessario fare un versamento di 25 euro.
    Condizioni
    Costo di emissione: euro 2,00
    Limite di utilizzo e giacenza massima euro 20.000,00
    Commissioni di ricarica:
    – in Filiale (in contanti e/o con addebito in c/c) euro 3,00
    – tramite ATM del Gruppo (con Carta PagoBANCOMAT) euro 1,00
    – tramite Qui UBI Internet Banking (Peer to Peer con addebito su altra Carta Enjoy) esente
    – tramite Qui UBI Internet Banking (con addebito su conto corrente) euro 0,50
    – tramite Qui UBI Contact Center (Peer to Peer con addebito su altra Carta Enjoy) esente
    (servizio attualmente non disponibile)
    – tramite Qui UBI Contact Center (con addebito su conto corrente) euro 0,50

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here