La lotta al precariato parte dalla capitale

    0
    19

    L’8% dei lavoratori italiani è un precario, ed ormai precari stanno diventando un po’ tutti i lavoratori coinvolti dalla crisi degli ultimi anni. Famiglie intere in bilico che basano la loro economia quotidiana su equilibri sempre più impossibili. Il precariato, giustificato da contratti atipici, è una piaga per l’economia dell’intera nazione perché immobilizza il mercato del mattone, frena lo sviluppo economico, blocca gli acquisti di beni e servizi e crea enormi crisi sociali; inoltre predispone la società al malcontento.
    Le famiglie i cui membri risultano precari non possono richiedere mutui (anche a fronte di buoni guadagni), non vengono accettati per l’erogazione di prestiti finalizzati, sono considerati a rischio e devono pagare penali di assicurazione più alte; insomma già svantaggiate vengono ancora di più bistrattate da banche ed istituti di credito.
    Per combattere il precariato arriva dalla regione Lazio un bando per finanziamenti. 18 milioni di euro provenienti dall’assessorato al lavoro per finanziare interventi di assunzione mediante contratti di tirocinio o auto-imprenditorialità. Il bando è rivolto agli atipici presenti da almeno 6 mesi nel territorio laziale e che nell’ultimo anno abbiano lavorato almeno 2 mesi per aziende vittime della situazione di crisi. Per gli aggiornamenti sulle modalità di partecipazione e sui dettagli del bando vi rimandiamo al sito ufficiale del progetto.
    Fonte: http://www.asca.it/news-LAVORO__SU_BUR_BANDO_FINANZIAMENTI_PER_PRECARI_DEL_LAZIO-904385-ORA-.html

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here