Conti corrente più convenienti? Arriva l'Isc

    0
    17

    Nel labirinto incomprensibile dei conti corrente si ci perde facilmente, è per questo che Banca di Italia ha introdotto l’Isc Indicatore Sintetico di Costo – sarà questo valore a permetterci di capire quale conto corrente sia veramente più conveniente tra quelli a pacchetti pensati dalla Banca di Italia. L’obbligatorietà di utilizzo dell Isc nei prospetti informativi dei conti corrente entrerà in vigore tra 3 mesi e la formula utilizzata per il calcolo prenderà in considerazione una serie di costi fissi e variabili annuali comparandoli in una griglia che dovrebbe permetterci di orientarci più facilmente tra le offerte.
    Tra i parametri regolati da Bank’italia con la nuova normativa in recepimento, compaiono anche i costi massimi ed ammissibili delle comunicazioni bancarie. Altroconsumo, non ancora contenta dei risultati raggiunti, vorrebbe ulteriori specifiche sui conti corrente a bassa operativita, quelli cioè che prevedono pochi movimenti annui. I profili di conto corrente creati con questa “riforma” verranno aggiornati di continuo almeno nel primo periodo, sarà inolte presente in ogni banca un conto ad operatività, ovvero un conto corrente in cui si pagherà una cifra concordata per ogni operazione. Dei profili sintetizzati da Bank’Italia abbiamo già parlato precedentemente, vediamoli ora in dettaglio:

    • Giovani: amano usare la banca utilizzando le nuove tecnologie (internet, phone o bancomat) usano più la carta bancomat/credito/ricaricabile che i contanti o i conti tradizionali. Il limite di operazioni del pacchetto per i giovani è di 164 ed i prelievi vengono spesso effettuati all’estero o su bacnhe diverse dalla propria. l’appartenente al profilo Giovani effettua più che altro operazioni di ricarica della carta prepagata.
    • Famiglie con bassa operatività: usano il conto corrente solo per pagare mutuo, bollette e addebiti di stipendio, effettuano una media di 201 movimenti che salgono a 228 nel profilo Famiglie ad media operatività fino ad arrivare a 253 per le Famiglie ad alta operatività.
    • Pensionati a bassa operatività: effettuano accredito di pensione e domiciliazione delle utenze, si calcolano quindi circa 124 operazioni l’anno, non usano carta di credito nè possiedono portafoglio titoli a differenza dei Pensionati a media operatività – ultimo profilo delineato – che effettuano in aggiunta a quanto già detto, circa 189 operazioni e ben 34 prelievi allo sportello.

    Fonte: Il Sole24Ore 08/03/2010 Pag. 6

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here