Tempi più lunghi per vendere la casa. Cala il ricorso alle banche

    0
    11

    vendere-casaL’Ufficio Studi Tecnocasa ha realizzato un’analisi realizzata sui dei tempi medi di vendita degli immobili nell’ ultimo anno. Il periodo analizzato va da Gennaio 2009 a Gennaio 2010.
    Nelle grandi città le tempistiche di vendita sono intorno a 156 giorni contro i 137 giorni registrati esattamente un anno fa. Stabili i tempi di vendita nei capoluoghi di provincia con una media di 167 giorni contro i 168 di Gennaio 2009 ed infine i comuni dell’hinterland delle grandi città che hanno fatto registrare 188 giorni contro 174 di Gennaio 2009.
    Nelle realtà metropolitane i tempi di vendita sono più brevi rispetto alle altre, grazie ad un maggior dinamismo del mercato. Palermo, Verona e Milano sono le città i cui tempi di vendita sono maggiori con 216 giorni, 182 giorni e 179 giorni. Tra i comuni dell’ hinterland la tempistica maggiore si registra nella province di Palermo 231 giorni, a seguire Verona con 220 giorni.
    Se i tempi di acquisto si sono allungati è anche perché molti italiani, quelli più fortunati, hanno deciso di comprare casa senza far ricorso al prestito bancario affidandosi invece alla benevolenza di parenti e amici. Secondo uno studio dell’istituto indipendente di ricerca Scenari Immobiliari, lo scorso anno, infatti, le abitazioni comprate con un prestito bancario sono state il 53%, in calo di 13 punti rispetto al 66% registrato nel 2005.
    E nel Centro-Sud il calo è stato addirittura di 20 punti percentuali: nel Mezzogiorno nel 2009 le case acquistate con prestito sono state solo una su tre. Secondo il presidente dell’istituto Mario Breglia  «si è tornati al mercato degli anni Novanta, compra la casa solo chi è più ricco e non ha bisogno di alcun aiuto finanziario per acquistare».
    Tuttavia nel 2010 ci sarà un aumento del numero dei mutui: «La domanda è forte – sottolinea Breglia – e già nella seconda metà del 2009 c’è stato un miglioramento del mercato».
    fonte: http://www.osservatoriofinanziario.it/of/newslarge.asp?id=787

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here