Banche territoriali saranno le favorite

    0
    16

    Banche del territorioLe banche devono essere uno strumento di sostegno all’economia delle piccole imprese e dei cittadini. Ecco perché anche il ministro dell’economia Giulio Tremonti elogia le iniziative di quei gruppi bancari, come Intesa San Paolo e Unicredit, che tornano ad occuparsi del territorio e delle piccole realtà locali.
    L’accesso al credito è spesso più semplice attraverso sportelli locali, come dimostra anche l’adesione alle iniziative pro-famiglia varate dal ministero negli ultimi anni; è infatti impensabile concedere prestiti ad imprese sulla basa di una conoscenza generica della situazione aziendale frutto di report standard. È sicuramente più produttivo, invece, analizzare le esigenze locali avendo una profonda conscenza del territorio e delle sue possibilità di sviluppo. Ecco perché Intesa San paolo ha recentemente dato il via alla nuova Banca dei Territori guidata dal direttore generale unico Micheli per il coordinamento di 8 direzioni regionali. Anche UniCredit ha avviato una trasformazione organizzativa che vedrà i clienti imprese al di sotto dei 50 milioni di fatturato, rientrare di diritto nella sua divisione Retail (fino ad ora riservata ai big con ricavi oltre i 5 milioni). Una banca che sia più vicina alla realtà locale e quindi più flessibile e capace di erogare prestiti, finanziamenti e mutui basandosi su realtà territoriali specifiche ed informazioni precise è una realtà cui bisogna tornare.
    Fonte: Corriere della sera 26/01/2010 Pag. 30

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here