Tassi usurari: così Bankitalia colpisce le finanziarie

    1
    20

    tassi-usurari-trimestraliNella definizione dei nuovi tassi antiusura le Finanziarie hanno avuto di gran lunga la peggio. I nuovi criteri di calcolo dei tassi di interesse introdotti da Bankitalia a partire dal 1° gennaio 2010, hanno favorito le banche, consentendo loro l’applicazione di tassi più alti, e hanno costretto le finanziarie a ridurre i propri margini di guadagno.
    Tra le varie novità introdotte della rilevazione dei tassi medi, come abbiamo già spiegato in un precedente articolo, c’è stata l’unificazione dei tassi applicati da banche e finanziarie per anticipi, sconti e altri finanziamenti alle imprese» mentre sono stati separati i tassi di banche e intermediari finanziari per la categoria «altri finanziamenti alle famiglie» che presentano livelli di rischiosità più elevati (delega di pagamento).
    Il dato viene così commentato da Italia Oggi: “Le banche, e non già le finanziarie, possono così applicare nuovi tassi medi superiori al passato in un periodo in cui il costo del denaro per loro scende vertiginosamente. La possibilità di aumentare i tassi per il sistema bancario, infatti, arriva persino al 58%. Prendendo, invece, in esame i vecchi tassi applicati dalle finanziarie per la stessa categoria di prestiti oggi accorpata, si riscontra una riduzione dei tassi per la classe di importo fin a 5.000 euro da 14,40 a 10,26 e per la classe d’importo oltre i 5.000 euro 10,94 a 5,43.”
    In sostanza i nuovi tassi hanno tagliato le gambe alle finanziarie che hanno perso la loro competitività in termini di costo del finanziamento nei confronti degli istituti bancari. Un esempio su tutti per chiarire la nuova situazione è quello dei cattivi pagatori, che se prima potevano affidarsi alle società finanziarie in grado di accollarsi rischi maggiori del sistema bancario, oggi “potranno ottenere un prestito solo in banca perché le finanziarie non saranno ragionevolmente capaci di prestare il denaro agli stessi tassi delle banche”.
    fonte: ItaliaOggi -13 gennaio 2010

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here