Home » Conto corrente

Direttiva PSD nascono gli Istituti Di Pagamento

2 marzo 2010
Pubblicità

Cosa sono gli istituti di pagamento e a cosa servono? La direttiva (Payment Service Directive) di cui abbiamo ampliamente parlato in precedenza, è una norma che si innesta sulle procedure della (Single Euro Payment Area -  Area Unica dei Pagamenti Euro). Lo scopo della normativa è sostenere la creazione di un mercato unico europeo dedicato ai servizi di pagamento creando norme giuridiche comuni a tutti i paesi; aumentare la concorrenza inserendo nel mercato altri prestatori di servizi; standardizzare diritti e doveri. In riferimento al secondo punto, ovvero un aumento della concorrenza si pone la creazione degli Istituti di Pagamento.
Per ridurre i costi  a carico dei consumatori, chiarire le possibilità di scelta, aumentare la competitività, sono stati inseriti sul mercato i cosiddetti Istituti di Pagamento, una nuova categoria di operatori economici abilitati ad offrire servizi di pagamento ad attività commerciali a livello europeo.

Gli istituti di pagamento sarebbero degli istituti che potranno quindi attuare servizi di pagamento ma non intermediazione creditizia ed emissione di moneta elettronica; non essendo banche questi istituti non possono realmente fruire dei soldi dei clienti e non sono attualmente soggetti agli stessi controlli dei rischi. Gli istituti di credito potranno concedere credito ma solo legato strettamente ai pagamenti dei propri prodotti/servizi. Tali prestiti dovranno avere una durata massima di 12 mesi e basarsi su fondi propri dell’azienda e non dei consumatori aderenti alla “catena”; per questo motivo gli istituti dovranno comunque avere un capitale minimo iniziale che garantisca un regime prudenziale.

I nuovi istituti di credito potranno accedere ai database informativi quali e per verificare le informazioni creditizie dei richiedenti e saranno assimilate agli intermediari finanziari non bancari.

Ma cosa potranno e non potranno essi fare?

Potranno: prestare servizi di pagamento e tramissione fondi, operare prelievo e deposito contante e pagamento su conto corrente  o linea di credito, accettare pagamenti attraverso cellulare o intarnet; concedere credito relativamente ai servizi di pagamento. Il tutto però dopo autorizzazione delle autorità competenti che nel nostro caso è Banca di Italia.

Non potranno, altresì, svolgere attività di intermediazione creditizia o utilizzare i fondi dei clienti per finanziare credito.


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

1 commento »

  • Gino ha scritto:

    Buongiorno, ho letto con molto interesse l’articolo e, tra i vari spunti, mi sono soffermato in particolare sulla possibilit

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>