Home » Conto corrente

Dal 26 maggio arriva l’Isc. E Conto Arancio lo azzera

24 maggio 2010
Pubblicità

Dal 26 maggio gli istituti di credito saranno tenuti a riportare nell’informativa che inviano ai correntisti l’Isc (Indice sintetico di ), un parametro espresso in euro che consentirà ai clienti di confrontare le offerte più convenienti presenti sul mercato.

Oggi per conoscere il costo reale di un conto corrente, che stando alle rilevazioni di Banca d’Italia si aggira intorno ai 114,00 euro all’anno, è necessario sommare il canone, le commissioni, le spese di attivazione, e tutte le spese variabili.

Con il nuovo indicatore, il costo del conto sarà invece calcolato sulla base dei profili delineati dalla Banca d’Italia per i conti correnti “a pacchetto”, quelli cioè con una serie di servizi (domiciliazione delle utenze, accredito dello stipendio, carta di debito) inclusi in un canone fisso al mese, e per il conto corrente a consumo, cioè quelli con un canone variabile in funzione delle operazioni effettuate.

Per i primi ricordiamo che i profili sono:
1) Giovani: circa 164 operazioni l’anno, elevato uso dei canali alternativi, carta prepagata
2) Famiglie con operatività bassa: 201 operazioni l’anno con mutuo e finanziamenti
3) Famiglie con operatività media: 228 operazioni, mutuo e carta di credito
4) Famiglie con operatività elevata: 253 operazioni, carta di credito, mutuo e investimenti
5) Pensionati con bassa operatività: 124 operazioni
6) Pensionati con media operatività: 189 operazioni, carta di credito e investimenti.
Mentre per quelli a consumo è previsto un unico profilo a bassa operatività con meno di 112 operazioni l’anno.

I clienti potranno conoscere l’Isc sia dal contratto e dalla comunicazione che la banca è tenuta ad inviare periodicamente, sia sul sito del consorzio Patti Chiari.

A due giorni dall’entrata in vigore dell’Isc, ING DIRECT, azzera il costo di Conto Corrente Arancio, per tutti i sei profili previsti da Bankitalia.
“L’ISC per i conti correnti è un importante passo in avanti per la trasparenza verso i risparmiatori, un tema cui ING DIRECT è attenta da sempre – afferma Bernd Geilen, General Manager di ING DIRECT Italia - Questo indicatore consentirà il confronto omogeneo tra conti e faciliterà il risparmiatore nell’individuazione della migliore offerta sul mercato, stimolando la concorrenza e la mobilità dei risparmiatori. Grazie al nostro modello di business low cost, siamo in grado di essere molto competitivi anche sul fronte dei conti correnti e offrire condizioni vantaggiose e attraenti per i clienti, che possono avere un conto corrente completo di tutte le funzionalità a ISC completamente zero.

fonte: http://www.ecodibergamo.it/stories/Bergamo%20citt%C3%A0/134167_quanto_costa_il_conto_corrente_da_mercoled_lo_dicono_le_banche/


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>