Home » Conto corrente

Bollettini postali: Poste Italiane perde il monopolio dei pagamenti

29 dicembre 2009
Pubblicità

poste-italiane-bollettini rinuncia all’esclusiva sul pagamento dei .
Dal nuovo anno i cittadini italiani potranno evitare la trafila agli sportelli ed effettuare i versamenti attraverso canali alternativi più convenienti.

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha accettato gli impegni presentati da Poste Italiane per consentire il pagamento dei bollettini anche presso sistemi concorrenti come ad esempio i punti di pagamento automatizzato presenti nelle tabaccherie gestite da Lottomatica e Sisal.
Il Garante ha così chiuso senza accertamento dell’infrazione e senza sanzione, l’istruttoria avviata lo scorso aprile per un presunto abuso di posizione dominante  delle Poste nel settore dei servizi di incasso e pagamento postali.

Entro il 31 marzo, saranno inseriti nei bollettini il codice Iban e un codice a barre per identificare il creditore. I cittadini potranno pagare i bollettini postali attraverso canali alternativi a quelli delle poste, risparmiando sul costo della commissione, oggi pari a 1,10 euro per il pagamento allo sportello e a 1 euro per il pagamento sul conto postale online.

fonte: http://www.repubblica.it/2009/07/sezioni/economia/consumatori/posteitaliane-bollettini/posteitaliane-bollettini.html


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

1 commento »

  • nunzia ha scritto:

    Salve a tutti,
    vorrei fare un osservazione.
    Oggi è già 08-maggio 2010 e sui bollettini non è ancora riportato il codice iban.
    Ma poste non si era impegnata entro il 31 marzo di applicare l’iban e concedere ai clienti l’opportunità di scelta nei pagamenti?
    L’antitrust dovrebbe fare qualcosa? non credete anche voi???

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>