Home » Carte di credito

Qual è il miglior circuito per la carte di credito?

21 aprile 2010
Pubblicità

Che differenza c’è tra Cirrus, , Electron, Maestro, Club, Pago bancomat, Vpay, Cartasi, e tante altre carte di credito? Che cos’è un circuito di pagamento e come si sceglie? Cosa c’è di diverso da un circuito all’altro?

Le carte di pagamento funzionano secondo un particolare principio uguale per tutte; ognuna di esse, sia carta di credito, revolving, di debito, ricaricabile, usa e getta, cobranded, o altro funziona esclusivamente sul proprio circuito di appartenenza, ovvero sul circuito della compagnia che le immette sul mercato. Esistono varie società di questo tipo, le più famose sono quelle che abbiamo appena elencato.

La compagnia che emette la carta di pagamento e ne definisce il circuito cura tutte le operazioni relative a tale carta e registra le transazioni grazie a macchine POS installate nei punti vendita garantendo solitamente il corretto funzionamento della carta. Tutte le carte di credito hanno dimensioni standard che possono variare di qualche millimestro ma solitamente contenute entro certi limiti per permettere l’utilizzo in lettori universali e sportelli condivisi. Grazie alle nuove normative di sicurezza emanate dall’Unione Europea tutte le carte, qualsiasi sia il suo circuito, sono dotate di un sistema di chip e pin, ovvero un chip ed una banda magnetica per la lettura dati ed un pin personale per l’uso dello strumento di pagamento. Sulle carte sono riportate informazioni specifiche; un numero della carta che rappresenta l’identificativo del supporto stesso, i dati del proprietario (solitamente nome e cognome, in alcuni casi foto e per altre carte anche impronta digitale), il logo del circuito, il Card security code (ovvero un codice di sicurezza utilizzato per un certo tipo di pagamenti, come quelli online) e la firma del proprietario.

Sin dal 1950 quando fu inventata la prima carta di credito (la Diners), i pagamenti con questo strumento sono cresciuti sempre più. I principali circuiti mondiali sono Visa, MasterCard, Diners, American Express, JCB e China Union Pay (CUP). È possibile riconoscere il circuito della carta di credito dalla prima cifra del suo numero (ad esempio:  Diners e American Express: 3; Visa: 4; MasterCard: 5; Discover Card: 6 etc).

Non tutti i circuiti sono diffusi alla stessa maniera, ovvero non tutti gli esercenti accettano transazioni da ogni carta. Le più usate e diffuse sono American Express, Mastercard e Visa; Maestro e Visa electron, ad esempio possono ancora dare qualche problema di utilizzo online. A parte la diffusione della rete (parametro da non sottovalutare) è difficile capire quanto una carta sia più conveniente in quanto, per le carte rilasciate attraverso gli istituti bancari o le finanziarie le condizioni posono essere molto diverse in quanto definite dai singoli contratti.

Ciò che spesso cambia, invece, sono gli optional offerti dal circuito. Alcuni offrono concorsi a premi legati all’utilizzo della carta, altri invece firmano convenzioni che permettono di ottenere sconti o regali acquistando con la carta presso particolari punti vendita. Insomma se state cercando una carta di credito e non sapere quale scegliere, informatevi bene presso i siti delle compagnie eroganti prima di fare la vostra scelta.

Fonte: http://www.mastercard.com; https://www.visapromotions.net; http://www.maestrocard.com; https://home.americanexpress.com; http://www.cartasi.it


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>