Home » Carte di credito, News

Carte di credito: anche i VIP piangono

20 aprile 2010
Pubblicità

Un’ulteriore conferma che i ricchi e famosi non sono poi diversi dai comuni mortali, anzi, a volte, sono decisamente peggio. Pochissimo lo avrebbero mai detto ma Sylvie Lubamba, 38 anni, ex indossatrice e soubrette televisiva nel programma Markette di Piero Chiambretti è stata condannata per insieme alla madre Kisika, 60 anni, e alla sorella Chantale di 37 anni.

La condanna riguarderebbe l’utilizzo di carte di credito non sue per pagare alcune spese di hotel ed altri lussi ai danni di ignari possessori di carte .La soubrette è stata molto abile, e per oltre 2 anni ha truffato la compagnia rubando soldi dalle altrui.

A seguito della condanna Sylvie Lubamba sarà obbligata a rimborsare 12.147 euro Diners Club che si è costituita parte civile nel processo e l’ha citata per danni. La Diners, come prassi in questi casi, aveva a suo tempo già restituito il maltolto ai possessori delle carte di credito che avevano dimostrato l’uso fraudolento e non autorizzato dei propri account.

Sembra che la diva sia stata già denunciata per lo stesso genere di reato più volte in passato in diverse città, ma per ora questa è la prima condanna.

Fonte: http://www.bassitassi.com/carte-credito-sylvie-lubamba-condanna-truffa/11475/


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>