Home » Prestiti e finanziamenti

Quali soluzioni per i cattivi pagatori e per gli autonomi?

8 aprile 2010
Pubblicità

Come si fa a sapere se una persona è in grado di pagare un debito contratto oppure se la banca rischia di vedere il proprio denaro andare perso tra pignoramenti e aste giudiziarie? Un primo metodo è sicuramente quello di svolgere una funzione di controllo delle fonti di liquidità: possedimenti, busta paga, garanti del prestito, ma una cosa fondamentale è controllare la reputazione creditizia di una persona.

La reputazione creditizia consiste nel “tipo” di comportamento tenuto in passato dalla stessa persona riguardo debiti simili. Ad esempio, si prende in esame se l’utente abbia contratto altri debiti (mutui, cessioni del quinto, acquisti rateizzati) e come si sia comportato a tal proposito (regolarità dei pagamenti, rate saltate, insolvenze, etc). I dati riguardanti questo genere di informazioni vengono recuperati da archivi chiamati SIC, sistemi di Informazioni Creditizie. Il più famoso registro di questo tipo si chiama CRIF ed è appunto una Centrale Rischi Finanziari, in pratica un database in cui vengono iscritti tutti coloro che abbiano mai contratto un debito e vengono distinti i buoni dai .

Ottenere lo “status” di cattivo pagatore, perchè si è saltata una rata o non si è stati capaci di restituire un prestito può chiudere le porte in faccia per l’accesso futuro a nuovo credito. Ad ogni modo, poichè un utente può essere iscritto al CRIF anche per una sola rata di pochi euro pagata in ritardo; le società finanziarie hanno deciso di non escludere totalmente queste categorie dal credito ma hanno ad esse applicato apposite soluzioni. I prestiti ancora accessibili per i cattivi pagatori sono:
-   cessione del quinto dello stipendio o della pensione
-   prestito delega (simile alla cessione del quinto ma con un importo rata che arrivi anche a due quinti dello stipendio
-    prestito cambializzato, riservato ai lavoratori autonomi garantito da cambiali

Normalmente questi presiti possono raggiungere un importo pari a 50-60mila euro, sono di veloce erogazione e vengono rimborsati con rate a tasso fisso anche in presenza di altri finanziamenti in corso.

Fonte: http://www.prestito-personale.cc/prestito-segnalati-/


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>