Home » Prestiti alle Imprese, Prestiti e finanziamenti

Prestiti a breve termine è allarme Coldiretti

18 ottobre 2010
Pubblicità

Il comunicato emesso da Viterbo è piuttosto chiaro e lancia l’allarme contro il mancato rinnovo delle garanzie sulle cambiali agrarie; “In una situazione di profonda crisi del settore primario, con redditi in calo, prezzi in discesa e costi sempre più in crescita, c’è assoluto bisogno di una inversione di rotta che deve partire dal facilitare le imprese nell’ottenere la necessaria liquidità per far fronte ad investimenti a breve termine fondamentali per l’aumento di competitività”. La denuncia, arrivata da Gabriel Battistelli, direttore della Coldiretti Viterbo, è forte e seppur prendendo atto delle iniziative regionali e locali il direttore chiede a gran voce “che si arrivi a quella necessaria inversione di marcia che metta le imprese agricole laziali in condizione di far reddito e di essere protagoniste reali di quel ritorno allo sviluppo, alla crescita, di tutta la Comunità laziale non più rinviabile”. Prendiamo atto, sottolinea Battistelli “dell’impegno del presidente della Commissione Agricoltura della Regione, Francesco Battistoni che, con la presentazione della mozione per il rinnovo dei prestiti ha inteso dare una concreta risposta ai nostri allarmi circa la liquidità delle aziende agricole del Lazio. Contestualmente un segnale importante arriva dall’assessore all’Agricoltura Angela Birindelli che, in queste ore, ha immediatamente convocato le associazioni agricole per di esaminare la situazione e porre in essere tutto quanto nelle proprie possibilità al fine di verificare quale strada sia percorribile al fine del rinnovo delle cambiali agrarie” ma “Sarebbe opportuno che la regione si impegni quanto prima a trovare un accordo con gli istituti di credito che preveda il rinnovo collettivo dei prestiti agevolati a breve termine emessi nel territorio regionale e che garantisca un tasso di esercizio ridotto per il comparto agricolo. A fronte della mancata erogazione di buona parte dei fondi del Psr, con le aziende che ormai da più anni si sono indebitate per gli investimenti aziendali, è di vitale importanza percorrere ogni possibile strada che possa ridurre i rischi di esposizione debitoria delle aziende, soprattutto nei confronti delle banche”.

Fonte: http://www.ontuscia.it/news.php?extend.50407.26


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>