Home » News, Prestiti e finanziamenti

Per aiutare le famiglie in difficoltà c’è “ Il prestito della speranza”

3 febbraio 2011
Pubblicità

L’iniziativa è sorta per volere della Conferenza Episcopale Italiana in accordo con l’, decidendo di costituire un fondo nazionale straordinario di garanzia per venire incontro alle difficoltà di numerose famiglie italiane.

Il Prestito della speranza intende far erogare finanziamenti a condizioni particolarmente agevolate ed è rivolto a coloro i quali, in serie difficoltà economiche, risultino in linea con i requisiti richiesti; saranno questi ultimi a potersi rivolgere, attraverso la parrocchia di appartenenza, agli uffici delle Diocesi o alla Caritas, che a loro volta prenderanno in esame ogni singola situazione, indirizzando la richiesta ad una delle Banche aderenti all’iniziativa.

Il fondo di garanzia voluto dalla CEI, è destinato a sostenere l’accesso al credito per quelle famiglie che risultano essere in grave disagio economico e per persone fisiche o società che intendono avviare o sviluppare un’attività di tipo imprenditoriale.

Tale fondo, nato nel 2009, è costituito da 30 milioni di euro, dotazione patrimoniale apportata anche grazie al contributo di privati ed istituzioni, di cui 25 milioni di euro sono destinati a garantire il microcredito sociale ed i restanti 5 milioni di euro al microcredito per le imprese.

Cosa importante, che consente di aumentare in modo considerevole la capacità di intervento del fondo stesso, è dovuta al fatto che la restituzione del prestito rende nuovamente disponibile la garanzia per aiutare nuovi soggetti.

Possono accedere al fondo quelle famiglie che abbiano figli in età scolare o universitaria, siano gravate da malattie o  disabilità certificate, abbiano perso il lavoro o sia stato ridotto in modo significativo il reddito da lavoro.

Il fondo stesso non eroga direttamente denaro, ma funge da canale di garanzia per gli interventi effettuati dalle Banche aderenti all’iniziativa.

Per le famiglie l’importo massimo erogabile è pari a 6 mila euro, mentre per le imprese sale a 25 mila euro; il rimborso avviene nel primo caso tramite rate mensili di 500 euro o altra modalità di volta in volta concordata con l’Istituto erogante ed il non può superare il 4%.

Per le imprese, la restituzione del prestito avviene sempre tramite rimborso mensile, seguendo un piano di ammortamento prestabilito ed il TAEG non potrà superare il (), riferito alla corrispondente categoria di finanziamento, alleggerito del 30%.


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>