Home » Prestiti e finanziamenti

Le Pubbliche Amministrazioni hanno 30 giorni per saldare i debiti

22 ottobre 2010
Pubblicità

Che ci crediate o meno, grazie all’intervento dell’Unione Europea, le Pubbliche Amministrazioni italiane hanno l’obbligo di saldare i propri debiti verso fornitori privati entro 30 giorni. La nuova direttiva UE contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali è una vittoria per le imprese. Solo in Italia sono 10 i miliardi di euro di debiti che le PA non hanno ancora saldato in fatture che da tempo attendono e che significano aziende non pagate in un periodo già di grossa crisi, fallimenti e licenziamenti. Ma tra il dire e il fare…. bisognerà vedere come si applicherà poi la nuova direttiva, infatti parcelle non pagate si trasformeranno in multa, interessi e spese legali e di recupero credito, ovvero in debito ancora maggiore e saranno sempre i cittadini poi, a dover colmare il debito. E quante pubbliche Amministrazioni, che fino ad ora non hanno trovato soldi per pagare, potranno effettivamente adeguarsi alla normativa? 24 sono i mesi concessi perchè la normativa entri in vigore, le nuove regole saranno chiare per tutti:

  • gli enti pubblici devono pagare entro 30 giorni (o in circostanze del tutto eccezionali entro 60 giorni) i beni ed i servizi  che hanno acquistato dalle imprese.
  • le imprese devono regolare le fatture entro 60 giorni.
  • le imprese hanno il diritto di  esigere il pagamento degli interessi di mora  e di ottenere altresì un importo fisso minimo di €40 a titolo d’indennizzo dei costi di recupero del credito.
  • il tasso di legge applicabile agli interessi di mora viene aumentato e portato ad  almeno 8 punti percentuali  al disopra di quello di riferimento della Banca centrale europea. Non è consentito agli enti pubblici fissare tassi inferiori per gli interessi di mora.
  • per le imprese diventa più facile contestare in tribunale termini e pratiche manifestamente inique.
  • viene garantita una maggiore trasparenza: gli Stati membri  saranno infatti tenuti a pubblicare i tassi applicabili agli interessi di mora, rendendoli così più accessibili per le imprese.

Fonte: http://www.fasi.biz/it/news/in-evidenza/3008-imprese-con-la-direttiva-ue-addio-ritardi-di-pagamento.html


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>