Home » Prestiti e finanziamenti

Le banche italiane hanno bisogno di liquidità

27 gennaio 2010
Pubblicità

liqAnche Moody’s mette in guardia l’Italia: le banche italiane sono uscite piuttosto bene dalla crisi grazie alle loro strutture basate sul consumo più che sull’investimento, ma mancano ancora di liquidità sufficiente a proteggersi da un eventuale ricaduta del mercato. Insomma, anche se al momento le Banche possono dirsi al riparo, uno scenario di maggiore stress internazionale potrebbe, infatti, mettere in ginocchio il nostro sistema. La capacità di accumulare liquidità adesso potrebbe invece mettere al sicuro i nostri operatori eonomici da futuri problemi garantendoci, ancora una volta, la sopravvivenza. Si sa già che il prossimo anno non porterà grandi risultati per le nostre finanziarie e vedrà anzi un aumento delle perdite sui crediti, specialmente tra le imprese che hanno sempre più difficoltà a rimborsare i prestiti. È importante, quindi, ancora di più, aumentare i capitali ed arrivare al raggiungimento degli obiettivi previsti dal Tier 1 ovvero un valore tra il 7,5% e l’8%, per evitare, anche, che il mancato rimborso di prestiti e mutui, causi una perdita di equilibrio insostenibile. Fonte: http://www.ultimenotizie.tv/notizie-economiche/istituti-di-credito-serve-piu-capitale-sofferenze-record.html


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>