Home » Assicurazioni, Prestiti e finanziamenti, Risparmio e Famiglie

In caso di licenziamento chi paga il prestito?

25 novembre 2010
Pubblicità

copertura assicurativa prestitoNelle scorse settimane abbiamo ricevuto la seguente email:

“Mi sono dimesso per giusta causa perché senza paga ormai da 6 mesi, sulla mia testa pende un prestito al consumo.
Mi chiedevo visto che a suo tempo ho cotratto un’assicurazione per il rischio impiego mi chiedevo come poter ricevere l’indizzo e risanare le restanti rate.

Però, leggendo il contratto non ho capito bene se tale indennizzo mi spetti o meno in quanto nelle clausole di esclusione viene richiamata il licenziamento per giusta causa.

Nello stesso tempo su internet ho trovato un sito in cui affermava che la Corte Costituzionale ha stabilito che lo stato di disoccupazione conseguente alle dimissioni per giusta causa deve essere considerato involontario (sentenza 269 del 2002), perché l’assicurazione non fa altrettanto.  Posso fare qualcosa o sono costretto a pagare le rate del prestito?”

Salve, abbiamo letto la senteza della Corte Costituzionale, a quanto pare le dimissioni per giusta causa devrebbero essere considerate come il licenziamento involontario!

Nello stesso tempo però non avendo letto  il contratto assicurativo del nostro caro amico,  non possiamo sbilanciarci; per questo motivo riteniamo opportuno consigliare di prendere il contratto firmato e di farlo leggere da un legale di fiducia o quanto meno chiedere assistenza a qualche associazione dei consumatori.

In molti contratti assicurativi a protezione del prestito, si legge che la copertura assicurativa relativa al rischio di perdita del posto di lavoro è esclusa in presenza di

1. licenziamenti dovuti  per “giusta causa”;
2. dimissioni volontarie;
3. licenziamenti dovuti a motivi disciplinari;

Mentre, la copertura assicurativa in caso di Perdita d’Impiego, è garantita in caso di perdita d’impiego a seguito di licenziamento per “giustificato motivo oggettivo”.

Per essere pratici, il nostro consiglio di richiedere l’indennizzo allegando la sentenza della corte, in quanto le dimissioni per giusta causa sono classificate come dimissioni involontarire.

A presto
Prestitotto Staff


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>