Home » Prestiti e finanziamenti

Debiti e povertà sommergono i divorziati

28 giugno 2010
Pubblicità

La situazione economica italiana non è mai stata delle più floride e la crisi non ha di certo aiutato; un altro fenomeno che sta riducendo in povertà le famiglie italiane, però, non ha nulla a che fare con l’economia ma più con il sociale, si tratta del fenomeno delle doppie famiglie che ha origine con l’aumento del tasso di divorzi nella nazione.

I divorziati aumentano sempre di più e con essi i nuovi poveri. Famiglie che si disgregano e capofamiglia che devono quindi mantenere una famiglia ed allo stesso tempo se stessi in un diverso nucleo familiare. La povertà dei divorziati e per le famiglie cui manca il capofamiglia monoreddito è una realtà che non può essere negata, le associazioni di volontariato cercano di combattere questa povertà con progetti di microcredito e sostegno ma la situazione è sempre più precaria anche per chi è da sempre abituato ad aiutare i più bisognosi. Mancano i fondi e gli aiuti del comune, le case sociali, i , sono una realtà sempre meno presente. Le iniziative economiche a favore dei gruppi disagiati dovrebbero aumentare e farsi più concrete, e l’appello lanciato da tutte le associazioni no-profit è forte e chiaro.

Fonte: http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Home/158848_divorziati_ecco_i_nuovi_poveri/


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>