Home » Carte di credito, Prestiti Personali

Usura al 68,4%. Piemonte la regione più a rischio

26 agosto 2009
Pubblicità

usura-indebitamento“Il sovra delle famiglie, nei primi 7 mesi del 2009, è cresciuto del 84,6%, rispetto al 2008 e l’ è aumentata del 68,4%è quanto si legge nell’ultimo comunicato stampa di , l’associazione a sostegno dei cittadini che da qualche tempo ha attivato, con Lo Sportello Antiusura, il monitoraggio periodico del fenomeno usura in Italia.

Dopo aver lanciato nei mesi scorsi l’allarme usura nelle regioni meridionali ora Contribuenti denuncia la preoccupante crescita del fenomeno anche al Nord, non a caso la regione capofila tra quelle più esposte al rischio di sovra indebitamento è il Piemonte, seguito dalla Campania, Valle d’Aosta, Sicilia, Emilia Romagna, Lombardia, Toscana, Veneto, Lazio, Puglia, Calabria, Liguria, Friuli V-Giulia, Umbria, Abruzzo, Trentino-A.Adige, Sardegna, Basilicata, Marche e Molise.

Ben 1.668.000 famiglie e 1.213.000 piccole imprese risultano a rischio  con un debito medio delle famiglie pari a 27.500 euro, mentre quello dei piccoli imprenditori ha raggiunto il tetto dei 47.700 euro.

”Purtroppo – afferma Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani – i dati confermano che il fenomeno sta aumentando e che ancora non si è raggiunta la punta dell’iceberg. In passato, ogni qual volta l’economia ha segnato brusche frenate, l’usura ha subito delle forti crescite. Ora c’e’ un ulteriore problema. Ovvero, oltre la poca propensione alla elargizione del credito da parte delle banche si sta registrando una aggressione al patrimonio familiare da parte del fisco, sia direttamente mediante la riscossione coattiva, che indirettamente attraverso l’uso spregiudicato delle scommesse sportive, costringendo numerose famiglie monoreddito a richiedere prestiti. Tra queste, diverse sono quelle che si sono rivolte alle fondazioni antiusura”.

Nel comunicato si legge inoltre che Contribuenti.it ha fatto richiesta al governo di uno stanziamento straordinario di un miliardo di euro a favore del microcredito sociale, di attivare la Banca del Mezzogiorno e di bloccare l’accanimento verso il gioco di azzardo che sta diventando “l’altra faccia di un’Italia sempre più povera”.

fonte: http://www.contribuenti.it/news/view.asp?id=2945


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>