Home » Prestiti Personali

Piccoli prestiti, il confronto di Supermoney su YouTube

19 marzo 2010
Pubblicità

un mese fa inaugurava il primo Tg online dedicato ai consumatori e alle notizie sul risparmio. Siamo andati a curiosare sul canale del portale di comparazione per verificare la qualità delle informazioni relative al settore finanziario.

Si tratta di notiziari flash della durata massima di 2 minuti con news sulle ultime offerte di prestiti personali, mutui, conti correnti e carte di credito. Tra le notizie di TG Consumatori abbiamo scelto “Piccoli prestiti: confronto fra i più convenienti”, dove si propone una sintetica comparazione tra due istituti di credito, Webank, banca online del Gruppo Bipiemme, e Agos.

“Per un dipendente con contratto a tempo indeterminato, con rate che non superino i 60 mesi, l’offerta più vantaggiosa risulta quella di WEBANK.it denominato Prestito small: rate a prezzo bloccato a 198 euro al mese, con un totale dell’importo da versare di 11.880 euro circa alla fine del prestito. La seconda opzione è il prestito Agos Standard: rate di 207 euro al mese e importo totale a fine prestito di 12.438 euro. Le due offerte risultano vantaggiose perchè non comportano aumento della rata nel corso del tempo, soprattutto visto il costo finale del prestito che, a pari condizioni e con altri operatori, può in taluni casi arrivare a toccare anche i 15 mila euro di importo totale.”

Siamo andati a verificare sui siti delle due banche le condizioni dei due prestiti presi in esame, e abbiamo scoperto che il confronto effettuato da Tg Consumatori su You Tube si basa sugli esempi presenti nei siti a scopo promozionale.
Nulla di sbagliato in questo: è chiaro che l’intento del servizio informativo di Supermoney è puramente orientativo ed  entrambi i prestiti sono davvero molto competitivi e forse, per i tassi d’interesse applicati, anche tra i più convenienti presenti sul mercato.

Ma è importante sottolineare che gli esempi offerti dalle banche, quando non esplicitamente dichiarato,  non sono “reali”, cioè non è detto che la rata pubblicizzata sia quella che realmente andremo a pagare.
Le condizioni economiche di un finanziamento dipendono da una serie di fattori – tipologia di contratto lavorativo, anzianità di servizio, età, affidabilità creditizia, eventuali garanzie - che verranno definiti solo in fase di preventivazione.

fonte: http://www.youtube.com/user/tgconsumatori#p/u/2/1T6-p8OgKck


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>