Home » Prestiti Personali

Il rischio della ripresa è il debito privato

2 febbraio 2010
Pubblicità

debito-privatoLo dicono gli esperti del McKinsey Global Institute, il vero rischio non è da calcolare in base ai debiti pubblici e delle aziende, ma sull’indice del . Queste sono le conclusioni del rapporto appena presentato dall’Istituto, il cosidetto “Heat Deleveranging map” - mappa rovente di riduzione del debito globale.

40.000 miliardi, questo sarebbe il livello di debito accumulato in otto anni da Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, Spagna, Corea del Sud e ben 10 settori privati.
La posizione dell’Italia risulta sicuramente più stabile rispetto agli altri grandi del mercato; l’incidenza del debito delle famiglie sul nostro PIL, infatti, e la più bassa in assoluto, il 40% contro il 44-96% di Francia, Germania, Spagna, Gran Bretagna, USA e Cina.
Ciò che più viene messo in evidenza nel rapporto, è l’incidenza del debito privato che le nazioni hanno lasciato crescere senza freni per anni; secondo questi dati, l’incidenza dei prestiti dei privati sul pil è calcolabile in percentuale del 274% per la Germania fino al 469% del Regno Unito. L’Italia, in questa seconda classifica totalizza una percentuale ancora una volta bassa, circa il 298% del PIL, ma non così trascurabile. In particolare, settore immobiliare, prestito privato ed industriale sono da tenere strettamente sotto controllo se si vuole evitare una nuova crisi globale, mentre gli stati hanno lasciato indebitare i propri cittadini senza calcolarne le possibili conseguenze per l’economia nazionale.

Fonte: Il Messaggero 29/01/2010 Pag. 8


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>