Home » Cessione del quinto, Guide Cessione del Quinto, Prestiti e finanziamenti, Prestiti Personali

Cessione del quinto e prestito personale: qual è la differenza

27 gennaio 2011

Numerose sono oggi le forme di finanziamento offerte da Banche ed Istituti di credito, pronti ad erogare somme di denaro tramite la cessione del quinto o il prestito personale, a seconda delle esigenze e tipologie di cliente.

In sostanza sia la cessione del quinto che il prestito personale hanno come finalità un prestito rateizzato, che comporta l’esborso di interessi durante il periodo di ammortamento; eppure esistono notevoli differenze fra le due operazioni, accompagnate da vantaggi e tempistiche che fanno sicuramente la differenza.

È importante evidenziare che possono avere accesso ad un prestito tramite cessione del quinto soltanto dipendenti pubblici, statali, para-statali, privati e pensionati; questo perchè è necessario esibire una busta paga o il cedolino pensione.

La cessione del quinto dello stipendio, infatti, prevede il rimborso delle rate tramite la trattenuta effettuata direttamente in busta paga a cura del datore di lavoro, che in questo caso viene coinvolto nell’operazione.

Tale prassi fa si che il rischio di insolvenza volontaria, a differenza dei tradizionali , venga abbattuto, in quanto una volta dato l’ assenso alla trattenuta, chi cede non può più cambiare idea.

Riferendoci al prestito personale, invece, il rimborso avviene tramite RID bancario, quindi direttamente sul conto corrente del debitore, inoltre, prima di ottenere la somma richiesta esistono una serie di verifiche effettuate  presso le banche dati  e  l’ esposizione alle insolvenze diventa molto alta e di non facile soluzione.

Altre differenze che saltano all’occhio fra cessione e prestito personale, riguardano l’età dei richiedenti, che nel primo caso arriva fino a 90 anni, nel secondo in genere si ferma a 72/ 75; i tempi di erogazione si riducono notevolmente per la cessione (24-48 ore), mentre si allungano per il prestito (10-15 giorni); è necessaria poca documentazione per il quinto e molta di più per i prestiti personali; le somme erogate dalla cessione sono più consistenti e vengono concesse anche a pignorati, protestati e cattivi pagatori, non essendo considerati altri prestiti in corso se non riportati in busta paga;  ci sono due coperture assicurative obbligatorie che riguardano il rischio morte ed impiego.

Con il  prestito personale si  concede il finanziamento richiesto a condizione che la somma di tutti gli impegni in essere non superi il 35-40% del reddito complessivo del cliente; i cattivi pagatori non vengono presi in considerazione, perchè già segnalati da altre Banche, le coperture assicurative non sono obbligatorie.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>