Home » Carte di credito, Cessione del quinto, Prestiti Finalizzati, Prestiti Personali

Bankitalia: credito al consumo più caro in Italia rispetto all’Europa

13 novembre 2009
Pubblicità

credito_al_consumo“Il in Italia è una forma di indebitamento più onerosa che all’estero. Il tasso di interesse praticato dalle banche italiane sulle nuove operazioni si attesta attualmente attorno al 10%, più elevato rispetto al dato medio dell’area dell’euro. Lo ha detto Roberto Rinaldi, Capo del Servizio Supervisione Intermediari Specializzati di Bankitalia, durante un’audizione alla Camera nell’ambito dell’indagine conoscitiva sul credito al consumo.

In sintesi le cifre presentate nel documento: Il credito al consumo rappresenta il 6% dell’intero credito erogato ed era pari a 110 miliardi di euro a fine settembre 2009; il 95% dei finanziamenti avviene attraverso le banche, di cui 48% in via diretta, 47% attraverso le società finanziarie controllate

I tassi più alti si riscontrano nelle carte revolving (oltre il 17%), seguono il settore del credito finalizzato (poco meno del 12%), i prestiti personali (l’11%) e la cessione del quinto dello stipendio (il 9%) che peraltro non include le spese per le polizze assicurative, computate da marzo 2009.
Per le famiglie appartenenti alla classe di reddito più bassa che si stima siano 230mila pari al 2,4 % del totale delle famiglie, la rata del mutuo ha raggiunto il 32% del reddito disponibile, una soglia ritenuta critica per il bilancio familiare.

Per questo motivo la Banca d’Italia ha intensificato al massimo l’azione di vigilanza sugli aspetti di trasparenza a tutela del risparmiatore e in merito ha adottato una serie di provvedimenti quali  la rilevazione trimestrale dei “tassi effettivi globali medi” utilizzati per l’individuazione dei tassi soglia ai fini della normativa in materia di usura e l’avviodell’Arbitro Bancario Finanziario, il nuovo sistema di risoluzione stragiudiziale delle controversie tra intermediari e clienti.

Tuttavia ora resta al legislatore l’approvazione definitiva del decreto legislativo di recepimento della direttiva sui servizi di pagamento sia le nuove norme sul credito al consumo per le quali il tempo massimo prevista è il mese di giugno 2010.

fonte: http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Finanza%20e%20Mercati/2009/11/credito-consumo-mutuo-banca-italia-rinaldi.shtml?uuid=4312019a-cee7-11de-a8da-0c1a175b3c55&DocRulesView=Libero


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>