Home » Prestiti Personali

Arbitro Bancario Finanziario: come richiedere il ricorso

3 novembre 2009
Pubblicità

arbitro-bancario-finanziarioNelle scorse settimane abbiamo dato notizia dell’attivazione dell’Arbitro Bancario Finanziario, l’organismo di banca d’Italia preposto alla risoluzione stragiudiziale delle controversie relative ai prestiti. Oggi approfondiamo alcune questioni relative alla procedura di ricorso.

Prima di rivolgersi all’ Finanziario, è necessario presentare un reclamo all’intermediario che deve comunicare l’esito entro 30 giorni dalla presentazione.
Se il cliente non riceve risposta entro 30 giorni oppure non è soddisfatto della risposta, potrà allora presentare ricorso all’Arbitro, purché non siano trascorsi più di dodici mesi dalla presentazione del reclamo all’intermediario.

A questo punto è necessario versare 20 euro come contributo alle spese della procedura attraverso bonifico bancario sul conto corrente intestato a “Banca d’Italia, o versamento sul conto corrente postale o in contanti presso tutte le Filiali della Banca d’Italia aperte al pubblico.
In tutti i casi occorre indicare la causale “Ricorso ABF” e il codice fiscale o la Partita IVA del cliente cui il ricorso si riferisce. Per i dati necessari al bonifico rimandiamo al sito www.arbitrobancariofinanziario.it.
Il modulo per il ricorso, disponibile sul sito web dell’Arbitro Bancario Finanziario e presso tutte le Filiali della Banca d’Italia , e l’attestazione del pagamento di 20 euro devono essere inoltrati per posta, via fax o con posta elettronica certificata (PEC), alla Segreteria tecnica competente o a tutte le Filiali della Banca d’Italia.

Non appena presentato il ricorso all’Arbitro il cliente deve inviarne immediatamente copia all’intermediario con lettera raccomandata AR o per posta elettronica certificata (PEC).
Dalla ricezione della comunicazione, infatti, l’intermediario ha a disposizione al massimo 45 giorni per inviare alla Segreteria tecnica le proprie controdeduzioni e la documentazione necessaria per decidere il ricorso.

La Segreteria tecnica svolge l’istruttoria esclusivamente sulla base della documentazione fornita dalle parti. Il Collegio di appartenenza (Milano, Roma, Napoli) si pronuncia entro 60 giorni e nei 30 giorni successivi la Segreteria tecnica comunica alle parti decisione e motivazione dalla pronuncia.

Nel corso del procedimento può accadere che il Collegio rilevi che per la controversia è stato avviato un tentativo di conciliazione. In tal caso, il Collegio interrompe il procedimento. Se la conciliazione fallisce, il ricorso può essere riproposto entro 6 mesi dal fallimento senza che sia necessario presentare un nuovo reclamo all’intermediario.

fonte: http://www.arbitrobancariofinanziario.it/rightbar/guida/Guida_sito_web-ottimizzato.pdf


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>