Home » Prestiti alle Imprese

Patto di stabilità, ridiamo credito alle imprese

10 marzo 2010
Pubblicità

Ne avevamo già parlato in precedenza, pagamenti congelati da parte di grandi gruppi e pubbliche amministrazioni che bloccano le pmi. Aziende locali che non vengono saldate e non possono quindi far fronte alle spese ed agli stipendi dei dipendenti e che non riescono ad ottenere credito presso le banche. La denuncia adesso arriva dal dove è stato attivato un servizio di supporto psicologico e pratico per prevenire suicidi o altre drastiche misure da parte degli imprenditori in difficoltà.

Le associazioni di categoria lanciano l’appello: «Gli imprenditori in difficoltà vengano da noi, li aiuteremo. Enti pubblici e banche facciano la loro parte, rispettivamente pagando le commesse e concendendo alle aziende in crisi i prestiti necessari a restare a galla».

Pagamenti rimandati o sospesi creano grosse difficoltà, e gli imprenditori vengono spesso lasciati soli. Il nuovo sportello di sostegno si chiama desk «credito e finanza» per assistere le imprese nel rapporto con gli intermediari finanziari e migliorare l’accesso al credito o il recupero dei prestiti; si effettueranno inoltre attività sperimentali di accompagnamento anche psicologico. I centri di assistenza lavorano 24 ore al giorno per assicurare una presenza costante. «La vera difficoltà è intercettare chi ha bisogno di sostegno — avvisa Claudio Miotto, presidente di Veneto — l’artigiano non chiede aiuto, per vergogna e per orgoglio, lo vive come un fallimento. Ma noi lo esortiamo a cambiare idea: offriamo consulenza manageriale, finanziaria, una garanzia per il credito che lascia alla banca solo il 20% del rischio, consigli utili a salvare la casa, il patrimonio personale e la vita. Per un artigiano l’impresa è la prima figlia e spesso pur di non chiuderla si gioca tutto e allora noi operiamo anche sul fronte preventivo, organizzando incontri con famosi psicologi, coordinati da Paolo Crepet. Le banche si sono fatte più furbette, nel 2008 concedevano tutto a tutti, adesso la prima cosa che dicono alle aziende in difficoltà è: andate dal consorzio di garanzia. L’altro cruccio è che tante aziende avanzano soldi dagli enti pubblici da mesi, se li ricevessero riacquisterebbero liquidità. Se poi si sbloccasse il Patto di stabilità, il denaro tornerebbe a girare e il lavoro riprenderebbe».

Fonte: http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/economia/2010/24-febbraio-2010/nessuno-paga-piccole-aziende-collasso-1602528094634.shtml


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>