Home » Primo piano

Truffare gli italiani costa 7 anni

22 ottobre 2010
Pubblicità

Sette anni di reclusione e interdizione perpetua dai pubblici uffici ecco quanto costa frodare gli italiani; o meglio quanto è costato a Massimo Faenza, ex amministratore delegato di Banca Italease, che ha provocato il quasi fallimento della Banca per trarne vantaggio economico.  Secondo i giudici del Tribunale di Milanob che hanno condannato Faenza in primo grado anche se colpevole di associazione a delinquere finalizzata all’appropriazione indebita Faenza potrebbe ripagare il suo debito con la società in 7 anni di carcere.

«Nei fatti il sodalizio non è dissimile da quello dell’associazione a delinquere dedita al furto di bagagli negli aeroporti: gli operatori infedeli potevano benissimo operare l’uno all’insaputa dell’altro, nell’ambito di una struttura organizzativa stabile, che decideva turni e operatività. Chi prelevava i bagagli il martedì poteva anche non conoscere chi li prelevasse il giovedì – ha detto il pm – ciononostante il tutto avveniva in un contesto specifico tale da favorire e organizzare i furti». Sette anni e 20 milioni di risarcimento alla banca (da versare insieme ai complici) e tutto ritornerà come prima.

Fonte: http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2010-10-22/condanna-sette-anni-faenza-094346.shtml?uuid=AYu26kcC


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>