Home » Banche e Istituti di Credito, News, Prestiti e finanziamenti, Primo piano, Risparmio e Famiglie, Ultime notizie

Rapporto Crif sui prestiti: nel 2011 cala la domanda del 3%

23 settembre 2011
Pubblicità

Ecco i dettegli del rapporto Crif sui prestiti

Le stime pubblicate nell’ultimo rapporto Crif sui prestiti mostrano un calo della domanda da parte delle famiglie italiane. Tuttavia, il dato è sicuramente meno preoccupante rispetto a quello registrato negli anni scorsi: -10% nel 2009, – 4% nel 2010 e -3% nel 2011.
Nel complesso, si riduce l’importo medio del finanziamento, sia nel settore dei che in quello dei . Ciò vuol dire che in tempi di crisi come questi le famiglie italiane preferiscono non indebitarsi troppo e andare avanti facendo qualche rinuncia in più. Dal punto di vista delle percentuali, da gennaio ad agosto 2011, le domande di prestiti sono diminuite del 3%, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Dunque, anche se il dato pubblicato dalla Crif pare negativo, il trend della domanda sembra riprendere quota, cosa che fa ben sperare per i prossimi mesi.

Rapporto Crif sui prestiti: ecco cosa richiedono gli italiani

I dati contenuti nell’ultimo rapporto Crif sui prestiti sono stati raccolti su oltre 78 milioni di posizioni creditizie. Il calo delle domande dei prestiti personali ha registrato il picco massimo del -6% ad agosto (rispetto allo stesso mese del 2010). Dall’analisi dei trend emerge che gli italiani privilegiano quei prestiti in grado di liquidare in 2/3 anni o, addirittura, in un solo anno. In media, gli importi dei finanziamenti più richiesti per i prestiti personali finalizzati sono inferiori ai 5.000 euro e questo andamento è confermato anche per quanto concerne la domanda di prestiti personali (anch’essi richiesti per importi che non superano i 5.000 euro). Tuttavia, permane ancora in vetta la fascia di importo tra i 10.000 e i 20.000 euro. Nel rapporto Crif sui prestiti è stato rilevato, infine, gli importi medi delle richieste di finanziamenti nei primi otto mesi del 2011 è appena superiore ai 12.000 euro, in lieve calo rispetto al dato registrato nello stesso periodo dell’anno scorso (quasi 12.500 euro).


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>