Home » News, Primo piano, Professionisti e Imprese, Risparmio e Famiglie, Ultime notizie

Manovra Finanziaria 2011: fiducia anche alla Camera

15 settembre 2011

Con 316 voti a favore e 302 contrari è stata approvata la

Con la fiducia alla Camera ieri sera è stata approvata Manovra Finanziaria 2011 che nei giorni scorsi aveva già ottenuto il parere favorevole al Senato. Dunque, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale il testo modificato dal maxi-emendamento diventerà legge dello Stato a tutti gli effetti. In occasione della seduta parlamentare alcuni leader d’opposizione, tra cui Walter Veltroni hanno esortato il Presidente del Consiglio a farsi da parte, ritenendolo in parte responsabile degli attuali problemi del Paese. Anche la presidente di Emma Marcegaglia non si è mostrata soddisfatta delle disposizioni contenute nella manovra, troppo incentrata sulle tasse e con pochi interventi concreti a sostegno dello sviluppo.

I contenuti della Manovra Finanziaria 2011

I provvedimenti predisposti all’interno della manovra finanziaria 2011 introdurranno una serie di modifiche in vari settori della vita pubblica e privata. Il primis, il Governo ha promesso di effettuare subito i tagli alle indennità dei deputati: 10% per i redditi sopra i 90mila euro e 20% sopra i 150mila. Tra i contenuti più importanti c’è l’aumento dell’Iva di un punto percentuale, applicata a partire dalla pubblicazione della Manovra sulla Gazzetta Ufficiale; fissato il contributo di solidarietà del 3% per i redditi al di sopra dei 300.000 euro; riduzione di agevolazioni alle Cooperative e aumenti di tasse per le società di comodo. Anche l’impiego del tirocinio in azienda è stato notevolmente limitato. Scatteranno poi le manette per gli evasori oltre i 3 milioni di euro o per più del 30% del fatturato evaso: in questo un ruolo attivo dovranno svolgerlo anche i Comuni. Per quanto riguarda le pensioni, invece, è stata innalzata l’età pensionabile delle donne e fissati i tempi massimi per il versamento del Tfr. Con la Manovra finanziaria 2011 se la sono cavata i piccoli enti con meno di 70 dipendenti, mentre, saranno disposte le Unioni per i comuni con meno di 1000 abitanti.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>