Home » Banche e Istituti di Credito, Finanziamenti, Mutui, Mutui a Tasso Variabile, Mutui Prima Casa, Prestiti, Prestiti e finanziamenti, Risparmio e Famiglie, Ultime notizie

Mutuo variabile WeBank: cosa offre il prodotto?

2 settembre 2011

Principali vantaggi del mutuo variabile WeBank

Il mutuo variabile WeBank è un prodotto creditizio offerto ai clienti della banca on line per finanziare l’ o la ristrutturazione di un immobile. I soggetti che possono richiedere il mutuo variabile WeBank sono privati con residenza sul territorio italiano da almeno 3 anni e che, alla fine del piano di rimborso, non abbiano superato il 75esimo anno di età. L’importo erogabile va da un minimo di 50.000 euro fino a somme che arrivano all’80% (purché non si superi il milione di euro) mentre il piano di rimborso può durare dai 10 ai 30 anni.
Il mutuo prevede un Tan del 2.86% (calcolato su base Euribor a tre mesi + uno spead dell’1.30%) ed un Taeg del 2.93%. Lo spead varia in base all’importo e alla durata del finanziamento quindi, per mutui entro il 70% del valore dell’immobile e per somme pari o inferiori ai 125.000 euro, si applica uno spread all’1,30%, mentre, per somme al di sotto dei 175.000euro, si aggiunge 1,10%. Per somme superiori a quest’ultima si applica l’1%.
Chi intende sottoscrivere il mutuo variabile Webank non dovrà sostenere alcun costo accessorio (tranne le spese di imposta sostitutiva pari allo 0,25% dell’importo del mutuo erogato). L’assicurazione incendio e scoppio è offerta ai propri clienti gratuitamente.

Mutuo variabile WeBank: scopriamo le polizze facoltative collegate al prodotto

Il mutuo variabile WeBank non prevede alcuna polizza assicurativa obbligatoria ma, qualora il cliente volesse assicurare il mutuo, la banca mette a sua disposizione varie polizze, come ad esempio l’assicurazione sulla vita e una “polizza Multirischi”. La prima, prevede un costo pari allo 0,16% dell’importo da rimborsare, mentre, per la seconda, la percentuale da applicare è pari all’1,50%. Entrambe le polizze offrono una garanzia fino ai 350.000 euro.
Infine, per poter sottoscrivere il contratto la banca chiede obbligatoriamente un’ipoteca di primo grado (pari al 150% del valore dell’immobile) e l’accensione di un conto corrente bancario.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>