Home » BANCHE MUTUI, Cassa Padana, Mutui, Mutui a Tasso Variabile, Mutui Tasso Fisso, Prestiti e finanziamenti

MUTUO A TASSO FISSO E VARIABILE | CASSA PADANA

18 febbraio 2012

Ideato per l’acquisto dell’abitazione principale, mutuo Cassa Padana (Bcc) è un finanziamento a medio/lungo termine il cui rimborso viene garantito da ipoteca su immobili. L’importo massimo finanziabile non può eccedere l’80% del valore dell’immobile periziato (max.250.000,00 euro): tale percentuale può essere elevata al 100% qualora vengano prestate, dal cliente, delle garanzie aggiuntive (fideiussioni bancarie, polizze assicurative, etc.).
Il finanziamento è disponibile sia a tasso che variabile: in caso di mutuo a tasso , rimangono fissi per tutta la durata del mutuo sia il tasso di interesse sia l’importo delle singole rate.
Lo svantaggio è non poter sfruttare eventuali riduzioni dei tassi di mercato. Il tasso fisso è consigliabile a chi vuole essere certo, sin dal momento della firma del contratto, della misura
del tasso, degli importi delle singole rate e dell’ammontare complessivo del debito da restituire,
indipendentemente dalle variazioni delle condizioni di mercato. In caso di mutuo a tasso variabile rispetto al tasso iniziale, il tasso di interesse può variare, con cadenze prestabilite, secondo l’andamento di uno o più parametri di indicizzazione fissati nel contratto (ad esempio il tasso BCE o il tasso Euribor). Il rischio principale è l’aumento imprevedibile e consistente dell’importo o del numero delle rate. Il tasso variabile è consigliabile a chi vuole un tasso sempre in linea con l’andamento del mercato e può sostenere eventuali aumenti dell’importo delle rate. Il piano di ammortamento, di durata massima ventennale, è alla francese, con rate costanti a cadenza mensile, trimestrale o semestrale, comprensive di ed interessi.

CONDIZIONI ECONOMICHE DEL MUTUO

Il TAEG relativo al mutuo a tasso fisso, in caso di mutuo decennale di euro 100.000,00, si assesta al 6,656%, mentre per il mutuo a tasso variabile sarà pari al 5,482% (parametro Euribor). Di seguito, le esemplificazioni di alcuni piani di ammortamento, differenziati per durata mutuo (finanziamento di euro 100.000,00):
Mutuo a tasso fisso
• Mutuo decennale-tasso di riferimento 6,284%-rata mensile euro 1.124,71;
• Mutuo ventennale-tasso di riferimento 7,633%-rata mensile euro 814,03.
Mutuo a tasso variabile
• Mutuo decennale-tasso di riferimento 5,482%-rata mensile euro 1.084,53;
• Mutuo ventennale-tasso di riferimento 6,784%-rata mensile euro 762,64.
Gli importi di cui sopra non contemplano eventuali (ed inevitabili) variazioni del tasso indicizzato su base biennale.

SPESE ACCESSORIE DEL MUTUO

Tra le spese accessorie previste dam mutuo in questione, è doveroso segnalare: istruttoria (0,35% dell’importo mutuato), incasso rata (2,58 euro incasso automatico in conto corrente, 5,08 euro con pagamento per cassa), perizia tecnica (a carico del mutuatario, in base alla tariffa del professionista), imposta sostitutiva (0,25% dell’importo mutuato), immobile (presso compagnia di gradimento della banca). L’invio comunicazioni e la gestione pratica non comportano spese accessorie.

ESTINZIONE ANTICIPATA

Il cliente può estinguere anticipatamente in tutto o in parte il mutuo con un preavviso di almeno 5 giorni senza pagare alcuna penale, compenso o onere aggiuntivo.
L’estinzione totale comporta la chiusura del rapporto contrattuale con la restituzione del capitale ancora dovuto prima della scadenza del mutuo e degli interessi maturati sino a quel momento.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>