Home » Mutui

Mutui le novità per il 2010

16 marzo 2010
Pubblicità

Quali sono le novità del 2010 per i mutui? Cosa è successo con l’enttrata in vigore delle nuove norme finanziarie e dopo la dura lezione impartitaci dalla crisi? Lo ha analizzato l’Osservatorio Finanziario che pubblica un interessante repor sui maggiori cambiamenti relativi ai mutui immobiliari. Vediamone i punti salienti, ovvero quelli che secondo OF sono definibili come “i grandi mutamenti che hanno cambiato per sempre il mercato dei prestiti per la casa”.

  • Innanzi tutto il mutuo non è più per tutti a causa della nuova difficoltà ad ottenerlo, soprattutto con poche garanzie, come nella sempre più comune situazione di coppie giovani, precari e liberi professionisti.
  • Si diffonde sensibilmente il meccanismo della Surroga, una sorta di trasloco del mutuo da una banca all’altra che permette quindi di rinegoziare i termini del contratto ed ottenere condizioni più vantaggiose. Evviva la libera concorrenza quindi che da al consumatore il potere di cambiare fornitore se non soddisfatto delle offerte della prima banca. Grazie alla possibilità di cambiare istituto di credito, se si è buoni pagatori, si ottiene anche un maggiore potere di rinegoziazione qualora si decidesse di richiedere alla propria banca, la variazione delle condizioni del mutuo ovvero la Rinegoziazione del mutuo stipulato. Queste operazioni sono totalmente senza costi per il consumatore e per legge devono trovare risposta in un massimo di  15 giorni lavorativi.
  • Tasso Fisso? Tasso Variabile? Tasso Euribor oppure Bce? Il tasso variabile indicizzato ai valori indicati dalla Bce è entrato di prepotenza nelle banche dando origine a nuovi prodotti in aggiunta a quelli che già usavano Tasso indicizzato all’Euribor o tasso fisso. La nuova indicizzazione può portare notevoli vantaggi al mutuatario.
  • Problemi a pagare le rate del mutuo, è ormai possibile a diverse condizioni sospendere le rate del mutuo per periodi di tempo flessibili o in alternativa scegliere l’allungamento del periodo di restituzione del mutuo; soluzioni che costano al cliente anche moltissimo ma che permettono di superare con tranquillità i momenti di difficoltà.
  • Il mutuo costa di più. Le commissioni salgono del 66% a causa dell’aumento significativo degli spread bancari; cui si aggiunge l’aumento del 12% medio delle spese di istruttoria e di perizia, che viene ora obbligatoriamente eseguita da periti certificati dalla banca. Gli aumenti vanno a pesare soprattutto sui clienti con poche garanzie che devono per questo pagare spread più alti.

Fonte: http://www.osservatoriofinanziario.it/of/newslarge.asp?id=687


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>