Home » Carte di credito, Cessione del quinto, Mutui, Prestiti e finanziamenti

Centrale rischi: come cancellarsi dalla Crif

7 aprile 2010
Pubblicità

Quando si richiede un finanziamento ad una banca o ad una finanziaria, il nominativo del cliente finisce  all’interno di un archivio informatico detto Sic – sistema di informazioni creditizie –  conosciuto anche come Centrale Rischi.

Questi Sistemi sono banche dati contenenti le informazioni relative al cliente e alle caratteristiche del prestito, e sono accessibili agli istituti di credito che vogliono controllare l’affidabilità creditizia del richiedente.
Essere censiti in una centrale rischi, quindi, non significa affatto essere (la maggior parte delle persone presenti nelle banche dati hanno rimborsato regolarmente le rate del proprio prestito) e anzi in molti casi rappresenta la condizione necessaria per ottenere un nuovo finanziamento.

Ma se durante il finanziamento non si riesce a pagare regolarmente le rate di rimborso, il nominativo del cliente passerà nell’elenco dei cosiddetti “cattivi pagatori”, che le banche e le società finanziarie possono consultare per evitare di concedere prestiti a chi è già stato segnalato per il mancato pagamento delle rate.

I sistemi di informazioni creditizie esistono sia in forma pubblica, gestiti dalla Banca d’Italia, che in forma privata. Il più noto di quest’ultima categoria è l’ gestito dalla società .

I dati sui finanziamenti erogati vengono aggiornati su base mensile da parte delle banche e delle società finanziarie. Le informazioni vengono conservate nell’Eurisc di CRIF secondo la tempistica stabilita dal Garante per la protezione dei dati personali:
-  nei rapporti di credito che si sono svolti positivamente (senza ritardi o altri eventi negativi), la cancellazione avviene dopo 36 mesi
- in caso di rifiuto della richiesta o rinunzia della stessa la cancellazione avviene dopo un 1 mese
- per morosità di due rate è necessario attendere 1 anno dalla regolarizzazione
- per ritardi superiori a due rate occorrono 2 anni dalla regolarizzazione
- per gravi inadempimenti non sanati l’attesa è di 3 anni dalla data di scadenza contrattuale del rapporto o dalla data in cui è risultato necessario l’ultimo aggiornamento

Ricordiamo che la cancellazione è automatica e non avverrà prima dei termini stabiliti! Quindi è assolutamente inutile affidarsi a società che pubblicizzano cancellazioni in tempi più rapidi.

Tuttavia in caso di false segnalazioni, dati inesatti o furti di identità è sempre possibile richiedere la cancellazione immediata compilando il modulo rilasciato dalla stessa CRIF

fonte:  https://www.cancellazionecrif.org/


Finalità del mutuo
Tipo di tasso
Valore immobile Euro
Importo del mutuo Euro
Durata del mutuo anni
Frequenza rate
Età del richiedente
anni
Impiego richiedente
Reddito dei richiedenti Euro
Domicilio del richiedente
Provincia dell’immobile
MutuiOnline S.p.A. - Cap. Soc. 1.000.000 Euro - P. IVA 13102450155
Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n° 235

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>