Home » Cessione del credito, Guide

Cessione del credito: come funziona?

3 maggio 2010

La cessione del credito permette ad un creditore (cedente) di cedere ad un terzo (detto cessionario) il suo diritto  a riscuotere il credito dal (ceduto). In sostanza questo contratto consente al creditore di sostituire a sé un soggetto terzo ed estraneo all’originario rapporto instaurato con il debitore.

La cessione del credito è regolata dagli artt. 1260 e ss. codice civile. Secondo la legge il contratto di cessione del credito si perfeziona attraverso il consenso del cedente e del cessionario, senza necessità del consenso del debitore ceduto.

Il terzo cessionario
acquisisce, con il contratto di cessione, oltre al diritto di credito, anche i rischi ad esso connesso. I rischi della cessione di un credito sono di due tipi:
• l’inesistenza del credito, come, per esempio, nel caso in cui credito sia sorto da un contratto successivamente dichiarato nullo e annullato;
• il successivo inadempimento del debitore.
Per evitare questi rischi  il creditore ceduto può essere obbligato a fornire ulteriori garanzie.

Esistono due modalità di cessione del credito:
- nella cessione pro soluto, il creditore che trasferisce il credito è responsabile della sola esistenza e validità dello stesso al momento della cessione;
- nella cessione pro solvendo, invece, il creditore che trasferisce il credito è responsabile non anche della solvibilità del debitore ceduto.  In caso di mancato pagamento da parte del debitore, il cessionario può chiedere il pagamento, totale o parziale, al creditore che gli ha trasferito il credito.

FONTE:http://www.diritto.it/articoli/civile/ventura.html

http://www.unioneconsulenti.it/article.php?sid=1632

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento sotto. Puoi anche iscriverti a questi commenti mediante RSS.

Sii carino. Scrivi pulito. Non andare fuori tema. No spam.

Possono essere usati nella scrittura del commento i seguenti Tag Html:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>